Tunisino stupra e rilasciato tenta di violentare ragazzina: cosa fanno dopo che sbarcano

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Martedì sera a Marghera, in località Malcontenta, verso le 23 una ragazzina di 15 anni, mentre si trovava in compagnia di alcuni amici, anch’essi minorenni, è stata avvicinata da un immigrato che si è impossessato del suo telefono cellulare con la scusa di dover fare una telefonata urgente.

L’africano, 24 anni, tunisino, è poi scappato rincorso dalla ragazza. Dopo una fuga durata alcuni minuti la vittima è riuscita a raggiungere l’immigrato che però, ha tirato fuori dallo zaino una grossa forbice, puntandogliela contro e minacciandola. Subito dopo ha allungato la mano andando a toccare le parti intime della ragazza, cercando di abbassarle i pantaloncini; solo le voci degli amici della ragazza, che nel frattempo stavano sopraggiungendo, hanno fatto sì che l’uomo desistesse facendo perdere le sue tracce.

I poliziotti delle Volanti giunti sul posto hanno subito iniziato le ricerche in zona e hanno individuato poco distante una figura che si nascondeva dietro ad una struttura di cemento. L’uomo è stato bloccato dagli agenti e una volta riconosciuto dalla vittima come l’autore dell’episodio, sottoposto a perquisizione personale. All’interno dello zaino è stato ritrovato il paio di forbici usate per minacciare la ragazza e 0,60 grammi di eroina, entrambi sottoposti a sequestro. Da ulteriori accertamenti è emerso che a carico del fermato vi erano già dei precedenti di polizia per violenza sessuale e per reati inerenti gli stupefacenti. E’ stato denunciato per il reato di tentata violenza sessuale e rapina aggravata.

Precedenti per violenza sessuale, tenta di stuprare una ragazzina e lo denunciano. Lo Stato è finito.




Vox

9 pensieri su “Tunisino stupra e rilasciato tenta di violentare ragazzina: cosa fanno dopo che sbarcano”

  1. Premesso che dei minorenni alle 23 fuori da casa non dovrebbero starci. Ma dovrebbero stare a casa con i genitori, ma purtroppo i genitori di questi ragazzini di oggi sono più irresponsabili e diseducativi di quelli della mia generazione.

    Sul tunisino libidinoso cosa dire, fa quel che ca**o gli pare perché abbiamo un sistema penale ridicolo. E comunque la ragazzina ha le sue colpe, perché non avrebbe dovuto dargli confidenza. Ma purtroppo come tutti i giovanissimi di oggi ha il cervello imbevuto di buonismo ed egualitarismo, quello che gli impone di credere che “siamo tutti uguali”. I pregiudizi salvano.

      1. Quello sicuramente fantonas, ma vedi libertinismo sociale, permissivismo (vietato vietare), immigrazionismo, ecc., sono tutti elementi connessi fra loro perché facente parte della spazzatura ideologica liberalprogressista.

        É vero, prima bisogna bonificare il nostro territorio dalla presenza afroislamica, ma in seconda battuta va necessariamente fatta una rivoluzione conservatrice, in cui uno degli obiettivi sarebbe quello di rovesciare l’attuale modello socioculturale della società libera, nichilista e aperta di stampo marcusiano, che si é imposta con il Sessantotto. Le libertà individuali sono sacre ma non vanno enfatizzate, però nella fattispecie quelle dei ragazzini vanno il più possibile compresse, perché essendo psicologicamente immaturi concedergli ogni forma di libertà é dannoso per loro e per la società. Da adulti saranno una massa di irresponsabili e immaturi, che pretendono solo diritti e non si attengono all’adempimento dei propri doveri. E a quel punto addio Patria, a prescindere dall’immigrazione.

        1. Sono pienamente d’accordo, ricordo che da ragazzino (sui 15) uscivo la sera con gli amici per andare in sala giochi, i pericolo ci sono sempre stati ma mai come ora, questi esseri (non li definisco bestie xché sono al di sotto delle stesse) sono autentici predatori e se 30-40 anni fa il rischio più comune era di venire rapinati da qualche tossico, adesso é molto più facile lasciarci le penne e solo xché questi subumani parassiti INFERIORI di merda ci odiano e vogliono distruggerci.Io ci riempirei i crogiuoli delle fonderie con sti baluba di merda!!!

          1. Avete tutti gli elementi per scrivere “ebrei” ma non lo avete fatto. So che scrivere “ebrei” è a questo punto riduttivo, ma non scriverlo mi delude. Questo vi esporrà a dei generici “pipponi” su chi fa cosa nei giorni a venire.

  2. La responsabilità è dei politici, i giudici come Palmara invece giocano al gatto al topo, dove questi giocano a sfogliare la Margherita, a te si a te no, dove a prenderla nel culo sono sempre gli italiani.

  3. Ai fatti rimane che quattro scalzacani pilotati da un tizio che ha un figlio indagato per stupro, hanno permesso che l’Italia diventi un latamaio.
    Altro che ponte di Genova, altro che Italia sopra le righe. Quei morti sono sulla coscienza dei politici che ieri erano a fare campagna elettorale su quel maledetto ponte, che non avrebbe mai dovuto esistere se lo stato avesse controllato.
    Conte sei una bolla di sapone, bella a vedersi ma gai fatti nessuna sostanza.
    Dimettiti.
    Grandi le famiglie dei nostri compatrioti a non presentarsi.
    La dignità questi neanche la conoscono.
    Noi siamo di un altra razza.

Lascia un commento