GUERRIGLIA, TUNISINI APPENA SBARCATI ATTACCANO CARABINIERI E FUGGONO DA QUARANTENA – VIDEO

Condividi!

Immigrati in rivolta anche a Porto Empedocle, non solo a Udine. Nuove fughe dalla tensostruttura: decine di migranti scavalcano le reti e si allontanano.

I tunisini, questa mattina, hanno lanciato oggetti contro le forze dell’ordine: sedie e scrivanie contro i carabinieri. Alcuni migranti che tra ieri e oggi hanno tentato la fuga sono stati rintracciati.

A partire dall’una e mezza di stanotte e anche nella tarda mattinata di oggi, una quarantina di immigrati ha scavalcato le recinzioni della struttura e si sono allontanati nel tentativo di far perdere le loro tracce.

Le fasi della fuga notturna sono state immortalate dal cellulare di un empedoclino che si trovava a transitare dalla zona del porto, altre sono state riprese stamattina da un passante. L’ennesima fuga dalla struttura: episodi che provocano molta preoccupazione tra la popolazione, visto che, in teoria, i fuggitivi tunisini sarebbero in quarantena e tra loro molti sono ufficialmente positivi.

Le forze dell’ordine sono al lavoro per l’individuazione e il recupero dei clandestini scappati dalla struttura che al momento ospita circa 400 invasori e dove si sarebbero registrate in mattinata delle forti proteste a causa delle alte temperature registrate dentro la tensostruttura. Vogliono anche l’aria condizionata.

Tornate in Tunisia.




Vox

2 pensieri su “GUERRIGLIA, TUNISINI APPENA SBARCATI ATTACCANO CARABINIERI E FUGGONO DA QUARANTENA – VIDEO”

  1. Le Forze dell Ordine Italiane vengono attaccati e malmenati da queste merde perchè interragiscono con quelle masse di merde come dei rammolliti frocionim o femminelle senza la gonna. Non dovete essere e nemmeno mostrarvi amichevoli, dovete IMPORRE l Ordine, e in particolar modo in rapporto con queste merde di tunisini algerini marocchini nigeriani gambesi ed altri. Perchè questi non sono esseri umani ma escrementi che hanno mancato l evoluzione dell uomo civilizato rimanendo alle radici dell uomo Neandertaler

Lascia un commento