Lamorgese ammette: abbiamo riportato il virus coi barconi

Condividi!

Un’ammissione, del resto tautologica, che dovrebbe portare all’incriminazione.

Rimpatri dei tunisini anche con le navi e controlli intensificati per gli stranieri che giungono in Italia. Nel momento di massimo allarme per gli sbarchi e la curva dei contagi che riprende a salire, la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese annuncia in un’intervista al “Corriere della Sera” nuove misure di contrasto e parla di “passi obbligati per gestire l’impatto di un flusso straordinario di sbarchi autonomi di migranti economici reso ancora più complesso dall’emergenza Covid-19”. “Garantiremo la tutela della salute pubblica delle nostre comunità locali, ma i migranti economici sappiano che non c’è alcuna possibilità di regolarizzazione per chi è giunto in Italia dopo l’8 marzo 2020“, avverte.

“Se avremo un’estate con migliaia di sbarchi? In questo mese di luglio ha influito la crisi economica senza precedenti che sta producendo un numero eccezionale di partenze dalla Tunisia di chi tentano di proseguire il viaggio in Europa – spiega -. Ho detto al ministro dell’Interno francese, Gèrald Darmanin al Viminale, che la crisi tunisina non può essere gestita da un solo Paese per tutta l’Europa”.

Intanto tra gli italiani monta la paura. “Le comunità locali sono giustamente sensibili al tema della sicurezza sanitaria, con una particolare attenzione dei sindaci e dei presidenti di Regione rivolta ai migranti irregolari. Capisco le loro preoccupazioni – aggiunge Lamorgese – anche se il problema dei controlli anti Covid-19 riguarda anche tutti gli stranieri che giungono in Italia, per lavoro o per motivi di studio o per turismo, in pullman, in treno e in aereo. Il governo non può permettersi di abbassare la guardia perchè i dati epidemiologici, non solo quelli relativi agli stranieri, ci dicono che dovremo usare molta cautela nei prossimi mesi”.

BUGIARDA come al solito. Con falsi certificati, o se riescono a non farsi registrare allo sbarco, possono farsi regolarizzare anche loro:

Certificati falsi, così i clandestini appena sbarcati in Italia diventano regolari grazie a Bellanova

E l’escalation è l’effetto di avere prolungato la sanatoria Bellanova al 15 agosto. Un chiaro invito a chi non era in Italia a venirci.




7 pensieri su “Lamorgese ammette: abbiamo riportato il virus coi barconi”

  1. La situazione stava migliorando, ma questi maledetti la stanno aggravando facendo sbarcare centinaia di clandestini infetti. Non lo fanno per stupidità, ma perché è evidente che il governo ha intenzione di far ridiffondere la pandemia per imporre un nuovo lockdown.

  2. A proposito di escalation, ho scattato una foto (vorrei mostrarvela ma non so come fare😄) delle demenziali abitudini in cui vogliono ingabbiare gli italiani. Dunque, sono dovuta entrare in un centro commerciale (che aborro in generale) solo per ricaricare il telefonino,(il mio esperimento senza luce elettrica va avanti, presto vi renderò partecipi, se lo vorrete, dei dettagli. Comunque, dicevo, qua davanti a me ci sono decine di deficenti che sono stati fatti salire su dei punti adesivi rossi, a terra, di 35cm che segnano in senso orario la distanza da tenere. Loro vedo che si preoccupano di stare esattamente al centro di esso e di avanzare di un punto man mano che la coda procede. Vi giuro! Sento un bisogno irrefrenabile di dir loro quello che penso, le pecore sarebbero più insofferenti se il pastore le obbligasse a certi dictate, non comprendono che non si tratta nemmeno più di distanziamento ma di coercizione in attesa di regole metafisiche sempre più restrittive. Pazzesco!

  3. ” i migranti economici sappiano che non c’è alcuna possibilità di regolarizzazione per chi è giunto in Italia dopo l’8 marzo 2020“, avverte.”

    Dobbiamo ridere?
    Ma infatti, werner, il coronavirus esiste ed è pericoloso, non deve essere qui la divisione, ma sul fatto che questi pericolosi delinquenti vogliano sfruttare l’emergenza, che esiste, per fare i loro porci comodi, in primis accelerare sul meticciamento d’Italia e dell’Europa, la patria bianca. Non ve ne sarà un’altra caduta questa, tutti gli altri luoghi del pianeta sono già meticciati salvo piccole aree senza vera indipendenza militare, come alcuni stati degli USA.

    1. Certo che questo maledetto Covid-19 esiste, e negandone l’esistenza secondo me si fa il gioco di questi criminali al governo che lo fanno diffondere apposta per le ragioni che hai scritto tu. Non solo, diversamente da quanto affermato da molti virologi, sono convinto sia una creazione da laboratorio, altro che origine naturale.

  4. Fatto sta che girare con la mascherina ci porta lo stesso alla tomba. Non parlo solo del caldo asfissiante ma dell’aria avvelenata che ci costringono a respirare nei luoghi pubblici. I danni li vedremo nel tempo. Con la scusa del coronavirus tutti gli uffici sono chiusi, biblioteche, musei. Chi era disoccupato da prima dell’epidemia, può mettersi il cuore in pace, non lo troverà più probabilmente. Parliamoci chiaro: quanto tempo un italiano per bene può resistere senza lavorare e non entrare nel giro della delinquenza? Alcuni non ce la fanno, perché chi è nato onesto si suicida, gli altri si adattano. Che futuro ci aspetta in un Italia dove cammini per strada e ti trovi un coltello alla gola da dietro? È esattamente a questo tipo di società che vogliono realizzare conte & compagni.

  5. ….”Rimpatri dei tunisini anche con le navi e controlli intensificati per gli stranieri che giungono in Italia. “….Ma se ne vada a fanculo.Devo ridere?Farebbe bene a rassegnare le dimissioni quanto prima.Dopo sarà tropo tardi.La andranno a prendere a casa.

Lascia un commento