Processione vietata per Covid ma sì a Festa Sgozzamento islamico: oggi migliaia animali sgozzati vivi col permesso di Conte

Condividi!

Altro scandalo di governo. L’esecutivo giallorosso “mostra i muscoli solo con gli italiani”. Questa la denuncia Augusta Montaruli. Il deputato di Fratelli d’Italia, che si è vista negare la processione della Consolata, “interrompendo una tradizione antica di Torino”, non ha preso bene il via libera alle preghiere di musulmani. A loro infatti il governo non ha detto nulla. “Oggi – spiega nel dettaglio – nel giorno della festa islamica del sacrificio, Torino e tante altre città italiane, si sono svegliate con migliaia di uomini musulmani che si stanno affollando sui tappeti di preghiera senza il minimo distanziamento e con la consueta segregazione femminile che evidentemente non scandalizza sinistra e grillini”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Come sempre – conclude – questo Governo scandaloso mostra i muscoli con gli italiani limitando le loro libertà religiose e politiche in piazza, ma concede tutto a chi ci impone in strada identità e tradizioni estranee, in spregio alla delicata situazione sanitaria che minaccia il ritorno del contagio da Covid-19′. Ritorno che pare non interessare a Pd e Movimento visti i continui sbarchi e le continue fughe di clandestini che violano la quarantena obbligatoria.

E la cosa non si limita certo a Torino:

Vietato dormire, i musulmani devono pregare all’alba a Roma – VIDEO

FESTA DEL SACRIFICIO. PREVISTO LO SGOZZAMENTO DI 500.000 ANIMALI IN ITALIA

LA AIDAA, ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE – ITALIAMBIENTE, SCRIVE A VOX

Il prossimo massacro di animali è previsto per il 30 luglio, giorno in cui milioni di musulmani sgozzeranno in tutto il mondo milioni di animali (in particolare capretti) nel nome di Allah per celebrare la festa del sacrificio. Qualche mese fa è toccato ad altri milioni di agnelli essere uccisi in maniera forse meno barbara ma non per questo meno crudele per celebrare la pasqua Cristiana, e quindi uccisi e mangiati in nome di Dio. La questione non è da sottovalutare sia per il numero di animali che vengono uccisi che per le modalità di questi crudeli massacri. Prendiamo la festa islamica del sacrificio che sarà quest’anno celebrata tra fine luglio e inizio agosto. Anche qui in Italia saranno decine di migliaia gli animali sgozzati vivi (molti nei macelli autorizzati) anche nelle case delle famiglie musulmane che in barba a qualunque normativa sulla macellazione rituale sgozzeranno e lasceranno morire tra atroci sofferenze capretti e altri piccoli animali che saranno poi mangiati in famiglia. Un orrore che spinge l’AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente) a chiedere ai Sindaci di vigilare per bloccare e punire secondo la legge le macellazioni clandestine che in Italia sono vietatissime mentre alla comunità islamica rivolge l’appello ad evitare di sacrificare animali in nome di Dio (nel caso specifico nel nome di Allah). In una nota AIDAA si auspica “che anche in questa occasione siano fatte rispettare le regole sia sul distanziamento sociale e tutte le norme anticovid in essere, sia il divieto sulla macellazione autorizzata in quanto il rischio che queste le regole vengano disattese è piuttosto alto”. Lo scorso anno in Italia la comunità musulmana composta da circa 3 milioni di persone durante questa festa ha ucciso e mangiato circa mezzo milione di animali.

Ricordiamo che ognuno di questi 500mila animali verrà sgozzato e lasciato morire per lento e doloroso dissanguamento. Inconcepibile in una società civile. L’islam non è compatibile con l’Italia.




2 pensieri su “Processione vietata per Covid ma sì a Festa Sgozzamento islamico: oggi migliaia animali sgozzati vivi col permesso di Conte”

  1. sgozzano pure i froci, quindi e’ giusto che si esercitino con i capretti…. di fatto l islam ci liberera’ da ricchioni atei e comunisti, questi handicappati mentali sono con loro assolutamente incompatibili, di fatto e’ assurdo dirlo, ma i bbussulmani ci libereranno da tutta sta merda rossa, puttanelle di magistrate rosse comprese, nei paesi bussulmani le donne sono animali da monta!….. poi noi ci libereremo di loro. tempo al tempo

Lascia un commento