Covid, Rt record in Sicilia grazie agli sbarchi e in Veneto per gli infetti trasferiti da Conte

Condividi!

La Sicilia era Covid-free: ora ha il record di contagi dopo il Veneto, dopo tutto il lavoro di Zaia è stato distrutto per l’arrivo di ospiti positivi inviati da Lampedusa.

Ormai è chiaro. I dati mostrano che il Covid-19 sta tornando in Italia coi barconi dopo il primo ingresso cinese.

VERIFICA LA NOTIZIA

Se scendono infatti sotto quota 1 con i loro indici di contagiosità Rt la Lombardia (questa settimana a 0,96) e il Piemonte (0,87), fra le 8 regioni sopra la soglia d’attenzione figurano diverse new entry: la Campania (1,42), la provincia autonoma di Bolzano (1,07) e quella di Trento (1,34), la Sicilia (1,55). Queste si aggiungono alle Regioni già con Rt sopra 1, cioè Emilia Romagna (1,08), Lazio (1,04), Liguria (1,25) e Veneto (1,66).

In tutte le regioni il merito è tutto dei migranti sparpagliati dal governo. Particolarmente drammatica la situazione in Sicilia, dove gli sbarchi hanno trasformato una regione Covid-free in uno dei focolai più grandi d’Italia e in Veneto, dove tutto il lavoro di Zaia è stato spazzato via dai quasi 200 clandestini infetti trasferiti da Conte a Treviso:

Sommossa dei migranti infetti contro la quarantena: infermeria distrutta a Treviso




7 pensieri su “Covid, Rt record in Sicilia grazie agli sbarchi e in Veneto per gli infetti trasferiti da Conte”

  1. A Casier ce ne sono almeno 200 di impestati.A Jesolo in un cesso adibito a moschea abusiva ce ne sono altrettanti.E questi figli di mignotta parlano di riaprire Cona.Porcozzio islamico.Questi sono matti.Ci stanno uccidendo.

Lascia un commento