IMMIGRATI SCATENATI A MILANO: 8 STUPRI IN 10 GIORNI IN MEZZO ALLA STRADA

Condividi!

Tentata violenza sessuale a Milano, in mezzo alla strada. Ancora. Un giovane immigrato ha provato ad abusare di una 38enne senza preoccuparsi di chi ci fosse intorno. Solo l’intervento dei passanti ha e vitato lo stupro e portato al suo arresto.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’aggressore è un immigrato di 25 anni, con precedenti ed irregolare in Italia. Ora deve rispondere all’accusa di violenza sessuale. Il tutto è avvenuto nei giardinetti di via Ferrante Aporti, la strada nelle vicinanze della Stazione Centrale. A finire nel mirino dell’uomo una donna di 38 anni, romena senza fissa dimora.

Secondo la ricostruzione dalla polizia, il giovane immigrato avrebbe aggredito la vittima alle spalle, l’avrebbe bloccata e avrebbe cercato di costringerla ad avere un rapporto sessuale. Le urla della donna hanno però attirato l’attenzione dei passanti, che sono immediatamente intervenuti dando l’allarme al 112 e mettendo in fuga il ragazzo.

I poliziotti hanno raccolto le descrizioni dei testimoni e hanno rintracciato l’aggressore poco distante. Arrestato, lo hanno portato nel carcere di San Vittore in attesa dell’udienza di convalida.

IMMIGRATI SCATENATI – Otto casi di denuncia per violenza sessuale a Milano e nei comuni della cintura nell’arco di una decina di giorni. Sette in una settimana. A Milano, nella zona del Monte Stella, è ancora caccia al profilo genetico dell’uomo che la scorsa settimana ha preso alle spalle, trascinato in un’area coperta da cespugli e abusato di una donna all’interno del parco. La polizia sta cercando di ricostruirne l’identità. Ma sul luogo dell’aggressione non c’erano telecamere che potessero raccogliere immagini utili.




Vox

2 pensieri su “IMMIGRATI SCATENATI A MILANO: 8 STUPRI IN 10 GIORNI IN MEZZO ALLA STRADA”

  1. milano?, la vera Bilano da BeVere?.. sala ?.. pd?… acchiappatevi i negri e non rompeteci il cazzo…quelli di bellaciao. si muoveranno quando cominceranno a stuprare i frocetti di Milano .. aricazzacci loro

Lascia un commento