JESOLO: 43 IMMIGRATI POSITIVI IN MEZZO AI TURISTI, GRAZIE ALLA CROCE ROSSA

Condividi!

Il governo ha deciso di boicottare il turismo italiano. Non ci sono altre spiegazioni. Tranne l’assoluta demenza degli esponenti Pd e M5s.

È di 43 il bilancio dei positivi al coronavirus su un centinaio di ospiti nella sede della Croce Rossa a Jesolo: 42 migranti africanI e un operatore. È quanto reso noto in una conferenza stampa dal Comune di Jesolo e dai vertici dell’Usl 4.

La cosa bizzarra è che sarà la stessa Croce Rossa che si occuperà della vigilanza degli ospiti nel centro, e con propri mezzi trasferirà i positivi in cosiddette strutture protette. Il sindaco, Valerio Zoggia, ha chiesto e ottenuto dalla Questura un presidio stabile di forze dell’ordine all’esterno della sede.

Sì, certo, come a Lampedusa e in Sardegna. Dove fuggono come e quando vogliono.

«Aver appreso della presenza con più di 40 casi di Covid-19 a Jesolo all’interno della struttura della Croce Rossa è un pesantissimo danno di immagine per la nostra località ed è assolutamente necessario che tutta la struttura venga evacuata in tempi brevissimi e messa in sicurezza» sottolinea il consigliere regionale Francesco Calzavara (Zaia Presidente)

«Il centro della Croce Rossa non può continuare ad avere questa funzione in particolare in una località turistica; quel Centro deve diventare qualcosa di diverso e non un bancomat utilizzato dalla Cri per incassare milioni di euro». «Vista l’incapacità della stessa Croce Rossa di controllare le entrate e le uscite dal centro da parte di chi ancora vi risiede – conclude Calzavara – confido che il Prefetto di Venezia garantisca, nei tempi che serviranno per l’evacuazione, un numero adeguato di forze dell’ordine per fa sì che queste persone in quarantena non escano dalla struttura».

E’ una follia che Zaia permetta tutto questo. Firmi un’ordinanza che vieta la presenza di centri d’accoglienza in Veneto. Il governo si oppone? Chiami la popolazione in strada. E lo stesso devono fare tutte le Regioni guidate dalla Lega. Di più: i candidati governatore devono metterlo al primo punto del programma.




3 pensieri su “JESOLO: 43 IMMIGRATI POSITIVI IN MEZZO AI TURISTI, GRAZIE ALLA CROCE ROSSA”

  1. Quando parlo di guerra civile intendo questo… guerra tra istituzioni, tra regioni e stato centrale, tra poliziotti e carabinieri, deve intervenire l’esercito, meglio ancora gli eserciti. Una bella guerra tra membri della nato, ma perché non attacchiamo la Turchia? Ci vorrebbe Dalema 🤗

  2. In un Paese vero, la CRI sarebbe già stata dichiarata associazione per delinquere, e tutti i suoi dirigenti e dipendenti rinchiusi in carcere o giustiziati per alto tradimento.
    In molti casi i direttori dei centri della CRI sono negri di colore…
    Detto questo, detto tutto.

Lascia un commento