Massacrata da immigrato perché non gliela dà: braccio e mandibola fratturati, denti rotti

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Un vero e proprio massacro. L’immigrato l’ha picchiata selvaggiamente quando lei ha rifiutato le sue avances. Le ha rotto un braccio, un polso, le ha fatto cadere diversi denti e fratturato la mascella. L’ha presa a cazzotti in faccia con furia animalesca.

E solo ieri, a nove mesi di distanza dal fatto, è stato arrestato, quando i carabinieri che hanno bussato alla porta, nella sua casa di Carmignano, Prato, dove risiede e dove fa l’operaio. E’ stato arrestato (ai domiciliari) per lesioni gravissime su disposizione del gip di Prato, Francesco Pallini, che ha accolto la richiesta di misura cautelare avanzata dal pubblico ministero Laura Canovai.

Ai domiciliari. Dopo un tale massacro.

In manette è finito un immigrato di 26 anni “ben integrato nel tessuto cittadino di Carmignano”. Così scrive il giornale locale.

A denunciarlo una ragazza di 20 anni che abita a Campi Bisenzio, vittima del violento pestaggio. L’uomo è stato incastrato da un anello che porta sempre al dito dalla forma e con un disegno particolari, rimasto impresso nella faccia della giovane, a testimoniare la violenza inaudita con cui si è accanito contro la vittima “colpevole” semplicemente di aver rifiutato un rapporto sessuale con lui.

L’ha scaraventata a terra e l’ha presa a cazzotti in faccia lasciandole il segno dell’anello ben stampato sulla faccia. Poi l’ha lasciata sull’asfalto e se n’è andato. La ragazza non sapendo a chi chiedere aiuto, ha chiamato gli amici che sono corsi a Carmignano trovandola in una pozza di sangue e con il volto sfigurato dalle botte. L’hanno caricata in auto e l’hanno portata al pronto soccorso a Careggi. I medici hanno accertato che la vittima aveva la mascella fratturata, polso e braccio rotti, diversi denti staccati sotto la violenza delle percosse, oltre allo choc patito per l’aggressione.




9 pensieri su “Massacrata da immigrato perché non gliela dà: braccio e mandibola fratturati, denti rotti”

    1. Se capitasse alla figlia di lady boldrini, lei si limiterebbe a dire che è solo un disadattato e che gli italiani sono violenti.
      La differenza tra noi e loro è che noi se commettiamo un reato sappiamo che siamo punibili, loro no, perché hanno un sacco di attenuanti, tra le quali la cultura,lo stile di vita che ovviamente lady boldrini, vuole estendere a noi.
      Per il resto è, se non li fermiamo, a mio avviso è pulizia etnica religiosa.

  1. non e’ chiaro….. ma sta tizia lo conosceva il negro?…. sai prato firenze… puttanelle di sinistra ne e’ pieno! amiche dei negri ma razziste per la figa!… quella la danno solo ai miliardari

    1. Purtroppo non é dato saperlo ma il problema é che in questi casi la vittima é rovinata, questi essendo sempre nullatenenti non risarciscono un cazzo e se la cavano con una pacca sulla spalla.Se lo facciamo noi siamo rovinati x la vita, come sarebbe giusto, ma qui abbiamo 2 pesi e 2 misure, poi denunciano chi si sfoga sui social…Non esiste giustizia e non si deve protestare.

  2. Rasoio, coltello a scatto… pesano poco e sono ottimi alleati in caso di aggressione. Caxxo! Almeno proviamoci a difenderci! Se poi si soccombe (la vedo dura😉) almeno non avremo rimpianti di non averci provato.

Lascia un commento