Arrivano gli immigrati e contagio esplode nel Lazio e Toscana

Condividi!

Allarme Lazio: abbassata età contagiati
“Assistiamo ad un abbassamento dell’età
media dei contagi e questo è un segnale
preoccupante soprattutto per i più gio-
vani che rischiano di contagiarsi per
il non rispetto delle regole minime”.L’
allarme è stato lanciato dall’assessore
alla Sanità del Lazio,D’Amato.Sul test
rapido:”Se la verifica allo Spallanzani
darà esito positivo lo adotteremo”.

Nel Lazio sono stati registrati 20 nuo-
vi casi di Covid, di cui 10 sono di im-
portazione. Tra i nuovi casi anche una
ragazza di 17anni rientrata dal Messico

Insomma, arrivano i bengalesi e gli altri immigrati e scoppia di nuovo l’epidemia. E’ tempo di aprire ai turisti e di chiudere agli immigrati.

Lo stesso avviene in Toscana:

I dati aggiornati al 15 luglio sulla diffusione del #coronavirus in Toscana

Pubblicato da La Nazione su Mercoledì 15 luglio 2020




3 pensieri su “Arrivano gli immigrati e contagio esplode nel Lazio e Toscana”

  1. “CONTAGIO ESPLODE”… ma “contagio” de che, gentaglia in stramalafede e senza cerebro?… ripeto: siete lì che non vedete l’ora che arrivi la “seconda ondata” spettrale del fantacovid, tramite qualche orda di negri, di asiatici, di islamici… lo sperate esattamente come Conte, Grillo, Casalino, Capitan Kippahfindus, la minicoatta all’amatriciana… l’emiciclo al completo dei politici itaGliani marcioni e parassiti… E tuttavia l’estate è arrivata (alla facciazza vostra) e con lei il caldo e il sole (e la vitamina D)… il fantacovid (MAI FINORA ISOLATO) è morto e sepolto e non c’è negraglia che possa risuscitarlo. Ma non disperate: in autunno-inverno qualche influenza, come al solito, tornerà.

  2. il covid, sarscov2, ecc l’hanno preso in molti e su moltissimi, alcuni sono morti. Sia perchè predisposti, sia perchè avevano già altre cose loro. Ma non disperate. Faranno presto l’antivirus e voi babbioni lo prenderete. Se fino ad oggi sono morti 500k persone, con l’aV moriranno 500M persone. E il caro Gates farà soldi a palate.

Lascia un commento