Tornano sui barconi i tunisini espulsi da Salvini: vengono a farsi regolarizzare con la sanatoria

Condividi!

Sbarcano anche quelli che Salvini aveva rimpatriato:

il 26enne era stato già espulso un prima volta

Pubblicato da Agrigentonotizie.it su Martedì 14 luglio 2020

Un 26enne è stato arrestato per reingresso illegale nel territorio dello Stato. L’uomo era già stato espulso una prima volta, ma nonostante questo è riuscito a sbarcare in Italia. A finire in manette è stato il tunisino, Youssef Ben One. Secondo la Squadra Mobile di Messina, l’uomo fa parte del gruppo di 68 migranti tunisini, trasferiti a Messina e provenienti da Porto Empedocle.

Dagli accertamenti è emerso che al 26enne era stato notificato lo scorso luglio un decreto di respingimento tramite accompagnamento alla frontiera, eseguito il 18 luglio 2019. Il migrante, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato posto ai domiciliari nel Cas all’interno dell’ex Caserma Gasparro, in attesa del rito direttissimo.

E’ solo uno dei tanti casi:

Scovate decine di delinquenti tunisini sui barconi: tornati in Italia per farsi regolarizzare

Vengono a farsi regolarizzare da Bellanova. E’ evidente.

Basta non farsi beccare allo sbarco (a migliaia di ci riescono) e poi fare come le altre migliaia di regolarizzandi: farsi passare per badanti di qualche connazionale.




Lascia un commento