Coronavirus, Zangrillo gela lo ‘Stato di Emergenza’: “Zero morti in Lombardia nell’ultimo mese”

Condividi!

“Se dichiarare pubblicamente che il virus in Italia non produce gli stessi problemi di tre mesi fa equivale ad essere ritenuto irresponsabile, mi assumo volentieri questa responsabilità”. Alberto Zangrillo non arretra di un centimetro dalla sua linea sul coronaviurs, che non viene più ritenuto un problema grave, anche in Lombardia dove “nessuno muore per colpa del virus da almeno un mese”. Il professore del San Raffaele di Milano si basa sulle evidenze cliniche condivise da circa quattrocento medici e infermieri che hanno lavorato al suo fianco dal 31 febbraio: “Insieme abbiamo affrontato il dramma della morte ogni giorno – ha dichiarato in un’intervista a Il Tempo – e nessuno di loro il primo giugno mi ha chiamato per chiedere se ero diventato pazzo”.

Ha ragione. Ormai il coronavirus arriva solo coi barconi e gli aerei carichi di bengalesi, pakistani e roba simile.

Il problema arriverà ad ottobre, quando non avere eliminato il virus farà sì che il contagio riprenda in modo più aggressivo una volta tornate le condizioni climatiche ideali. E’ follia.




Un pensiero su “Coronavirus, Zangrillo gela lo ‘Stato di Emergenza’: “Zero morti in Lombardia nell’ultimo mese””

Lascia un commento