Invasione, Conte svela il ‘piano b’: diffondere i migranti positivi sul territorio

Condividi!

Un piano criminale per accelerare la seconda ondata e prolungare il famigerato ‘stato di emergenza’.

VERIFICA LA NOTIZIA

Una procedura veloce per trovare nel giro di due-tre giorni un’altra nave da destinare alla quarantena dei migranti positivi al Covid. Ad avviarla oggi – si apprende – è stato il soggetto attuatore per la materia, Michele Di Bari, capo Dipartimento delle Liberta’ civili e dell’immigrazione del ministero dell’Interno. Si attendono risposte nel giro di due-tre giorni. Se non emergeranno offerte dal mercato, il Viminale virerà sul ‘piano B’ e cercherà strutture a terra – come sedi militari – per assicurare l’isolamento dei contagiati che sbarcano.

Il ‘piano a’ significa una flotta di navi di lusso per tenere i clandestini in crociera invece di rimpatriarli. Il ‘piano b’ è invece un piano di diffusione degli infetti nelle città. Ogni città con una caserma libera, quindi quasi tutte, sarà sotto la minaccia del loro arrivo.

Noi abbiamo consigliato a Salvini un ‘piano c’: portare tutti i parlamentari della Lega a Lampedusa e chiudere i porti fisicamente. Coinvolgendo la folla. Perché è tempo di mettere via la mascherina e tirare fuori le palle.




Un pensiero su “Invasione, Conte svela il ‘piano b’: diffondere i migranti positivi sul territorio”

  1. Ecco la famosa “immunità di gregge” di cui si è tanto parlato ed adesso si sta attuando.
    Il problema è che non so fino a che punto possiamo trarre benefici (fisici e sociali) da questa contagiante invasione e quando il popolo si sveglierà da questo “lungo sonno politico”, cosa accadrà.
    Io conosco una persona, che lavora nell’ambito di un asilo comunale ed è da marzo che aspetta la cassa integrazione. Riprenderà a lavorare a settembre e la prima busta paga sarà ad ottobre. Nella sua medesima situazione ci sono tanti altri italiani, come lo risolveranno i nostri comandanti abusivi?
    Tenenendoci chiusi in casa?

Lascia un commento