Battisti come i clandestini: si lamenta del “cibo scarso e cattivo”

Condividi!

“Taci e digiugna, vigliacco”. Salvini da ministro degli Interni ha riportato in Italia il terrorista rosso Cesare Battisti, che ora sta scontando l’ergastolo nel carcere di Oristano.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il suo legale ha presentato un reclamo al Tribunale di sorveglianza di Cagliari sostenendo che il suo assistito non sia in buone condizioni di salute anche perché gli verrebbe servito “poco cibo e di pessima qualità”. Sentite queste parole, il leader della Lega è letteralmente esploso su Facebook: “Assassino comunista si lamenta del menù in carcere?”, chiede polemicamente. La risposta: “Taci e digiuna, vigliacco”.




3 pensieri su “Battisti come i clandestini: si lamenta del “cibo scarso e cattivo””

Lascia un commento