La vita di 2 ragazzini vale 15 euro: perché non eliminiamo gli spacciatori?

Condividi!

Ha ammesso davanti al gip di Terni di avere ceduto per 15 euro mezza boccetta di metadone con acqua ai due ragazzi poi morti Aldo Maria Romboli, 41 anni, sottoposto a fermo con l’accusa di morte come conseguenza di altro delitto.
Lo ha fatto – secondo quanto apprende l’ANSA – nel corso dell’udienza di convalida.
Secondo la ricostruzione fornita dall’uomo nell’interrogatorio che si è svolto nel carcere di Terni, i due ragazzi hanno quindi assunto insieme il metadone. Lo hanno fatto in un parco vicino a casa di uno dei due.
In base a quanto sta emergendo dalle indagini e confermato dallo stesso Romboli non sarebbe stata la prima volta che l’uomo cedeva metadone ai ragazzi, di 15 e 16 anni poi morti nel sonno nelle loro case.
L’interrogatorio davanti al gip è durato circa un’ora. La procura di Terni ha chiesto la convalida del fermo mentre il difensore di Romboli, l’avvocato Massimo Carignani, non ha avanzato alcuna istanza. Il suo assistito – ha riferito il legale – è “distrutto”.

Il problema principale dello spaccio sono le migliaia di spacciatori africani che in questi anni sono stati vomitati in Italia dalle Ong. Uno degli effetti drammatici è stato l’avere fatto collassare il costo di una dose, aprendo così il mercato a consumatori sempre più giovani.

Ma non è il solo problema. Di fondo c’è una cultura dello sballo che è pura disperazione di generazioni che non hanno una prospettiva ideale. Perché questa prospettiva è stata portata via dalla non cultura della sinistra post-moderna.

Hanno tolto ai ragazzi l’idea che ci sia qualcosa per cui sia degno morire. E quando fai questo, c’è il vuoto. E il vuoto lo riempie la speranza artificiale.

Viviamo in una società dove i padroni del discorso diffondono divertimento come se non ci fosse un domani, perché non c’è un domani. Il divertimento, quando è privo di sostanza, diventa anestetico. Serve ad anestetizzare le menti perché le menti non pensino a quello che sta accadendo.

Dobbiamo restituire il futuro. Ma per farlo, prima dobbiamo abbattere il presente. Che non è solo questione di un governo di ladri e criminali, è qualcosa di molto più profondo. E’ tutto un sistema corrotto di potere che pervade la società: tabula rasa.

Ma per fare questo, per un vero cambiamento, serve una ‘crisi’ che induca il sistema al collasso. Perché la rivoluzione non è un pranzo di gala.

Intanto, però, sarebbe già importante applicare il metodo duterte: gli spacciatori si eliminano.




4 pensieri su “La vita di 2 ragazzini vale 15 euro: perché non eliminiamo gli spacciatori?”

  1. Quanto scritto nell’articolo è condivisibile. Vi è , però, un aspetto del problema che nessuno coglie. Il male viene dall’alto ed è ideologico. L’ideologia dei diritti umani è a fondamento delle nostre istituzioni, con conseguenze deleterie su tutti gli ambiti sociali. Una delle conseguenze di questa ideologia è l’impunità per tutti i reati commessi in uno stato di indigenza. Gli spacciatori sono indigenti, quindi sono impuniti. Rimarranno tali fino a quando non ci libereremo di questa Costituzione. Il tema dell’impunità è trattato nello scritto: dirittiumani.net/la-punizione-del-delinquente

Lascia un commento