Da Consulta sentenza eversiva e incostituzionale: art.3 riguarda CITTADINI, non clandestini

Condividi!

La Consulta ha bocciato uno degli aspetti più ‘controversi’ dei decreti sicurezza di Salvini:

Consulta contro Salvini: i Palamara obbligano iscrizione clandestini all’Anagrafe, basta chiedano asilo

Perché, dicono, viola la Costituzione.

Più precisamente, scondo la Corte Costituzionale, il divieto di iscrivere i richiedenti asilo all’anagrafe violerebbe l’articolo 3 della Costituzione italiana:

La Costituzione parla di CITTADINI. Ma un manipolo di burocrati d’alto bordo, nominati alla corte da presidenti della Repubblica che rappresentano il sistema corrotto di potere che impedisce l’espressione della sovranità popolare, sta da anni piegando questo chiaro dettato costituzionale ai propri corrotti interessi ideologici.

Questa è l’ennesima sentenza eversiva. Una decisione non giuridica ma politica. E allora, se una corte costituzionale decide per opinioni politiche e non giuridiche non può esistere. Perché la sovranità appartiene al popolo.

Il prossimo governo sovranista deve depotenziare tutte le corti. Prima di tutto la Consulta. Come? Il sistema più brutale sarebbe abolirla, dando al Parlamento la decisione sulla costituzionalità delle proprie leggi come espressione della volontà popolare.

C’è poi un metodo più sottile. Imporre l’unanimità sull’incostituzionalità di una legge: a quel punto, sì, sarebbe una decisione giuridica, perché verrebbero bocciate solo le leggi incostituzionali. E non quelle che non piacciono politicamente alla maggioranza di sinistra della corte.

Una corte che è l’ultimo elemento di garanzia dell’oligarchia corrotta. Andiamoli a prendere.




Vox

4 pensieri su “Da Consulta sentenza eversiva e incostituzionale: art.3 riguarda CITTADINI, non clandestini”

  1. La costituzione è “chiara”, sarà mica per questo che la vogliono abolire?
    D’altronde sono loro “scuri”.
    Li andiamo a prendere e li mettiamo assieme ai loro nuovi amici nuovi italiani.

  2. lo dice chiaramente la legge chi e’ cittadino cui si fa riferimento nell art 3 della costituzione

    Legge N. 91 del 1992 stabilisce che è cittadino per nascita:

    a) Il figlio di padre o di madre cittadini;
    b) chi è nato nel territorio della Repubblica se ambo i genitori sono ignoti o apolidi, o se il figlio non segue la cittadinanza dei genitori, secondo la legge dello Stato di questi (art. 1, comma 1).

    quindi il dl sicurezza e’ assolutamente costituzionale, sono sti 4 vecchi rincoglioniti ad essere analfabeti, e a tirare l acqua al mulino del loro padrone

Lascia un commento