Coronavirus: 35 bengalesi infetti a Roma, 250 sbarcati ieri

Condividi!

Ieri i nuovi casi a Roma collegati ai rientri dal Bangladesh sono stati 12. Con quelli dei giorni scorsi 39.

Solo ora si parla di un’ordinanza per fare i tamponi a tutti quelli che arrivano da Dacca. “Stiamo predisponendo l’ordinanza per garantire che vengano eseguiti i test e i tamponi a tutti i viaggiatori del volo speciale in arrivo oggi da Dacca (Bangladesh) autorizzato dall’Enac”, informa Alessio D’Amato. “Le operazioni si rendono necessarie ai fini di sanità pubblica”, aggiunge. “Abbiamo trovato la piena disponibilità da parte di Aeroporti di Roma (Adr)”, sottolinea, precisando che “il rientro è previsto intorno alle ore 17.45. Sono in corso i sopralluoghi tecnici. Dopo lo sbarco e dopo le usuali misure di prevenzione (misurazione della temperatura) – puntualizza D’Amato – verranno svolti, da personale del servizio sanitario regionale e dalle Usca-R, i test sierologici e i tamponi. In attesa degli esiti dovranno esser posti in isolamento. I passeggeri previsti sul volo sono circa 250”.

Ridicolo che si prevedano voli dal Bangladesh mentre si respingono turisti americani. E’ una follia

VERIFICA LA NOTIZIA
pauperista.

Secondo gli stessi immigrati bengalesi, dal Bangladesh fuggono per venire a curarsi in Italia. Gratis.

Fa paura il virus anche in Campania. Dopo Mondragone, Avellino. Sono 11 i casi di coronavirus emersi negli ultimi giorni in provincia di Avellino, 10 nelle ultime 24 ore, gran parte dei quali tutti provenienti dalla zona di Serino e comuni limitrofi. Un paziente è ricoverato da sabato scorso all’ospedale Moscati di Avellino, in gravi condizioni, intubato: si tratta di un 69enne sudamericano, da tempo residente a Santa Lucia di Serino. Sono risultati positivi 5 suoi parenti, tutti sudamericani.




Lascia un commento