Anziana vuole badante europea, ANPI la vuole costringere ad assumere africano

Condividi!

Sono nostalgici delle marocchinate

VERIFICA LA NOTIZIA

Ora l’Anpi si occupa anche di badanti colorate e sindaca sulle scelte individuali degli anziani. Già l’esistenza di un’associazione di partigiani ad un secolo dalla fine della guerra è bizzarria legata solo ai contributi statali, che poi vadano anche a molestare gli anziani che preferiscono farsi assistere da una romena piuttosto che da un senegalese è roba da matti.

Questo ci ricorda anche come la sanatoria Bellanova sia una truffa colossale: nessuno assume marocchini e bengalesi come badanti, sono tutti finti badanti, spesso spacciatori, che approfittano di questo scempio.

Alla ricerca di una badante h 24 per accudire un anziano, purché “non sia di colore”. Sarebbe questo l’annuncio pubblicato dall’agenzia Adiura di Chieti Scalo per una famiglia di Brittoli, cittadina in provincia di Pescara. “Non deve essere di colore. Contratto a norma di legge…”, si legge sull’annuncio pubblicato sulla pagina Facebook dall’agenzia in questione che però poco dopo ha cancellato la frase razzista.

Il fatto è stato denunciato dall’Anpi Pescara, che sul proprio profilo Facebook pubblica lo screenshot dell’agenzia stigmatizzando duramente l’accaduto.

La guerra è finita. Gli unici che non se ne sono accorti, solo per continuare a ricevere sovvenzioni statali, sono quelli dell’ANPI.




7 pensieri su “Anziana vuole badante europea, ANPI la vuole costringere ad assumere africano”

  1. Bastava chiederla russofona. E cmq se uno la volesse bianca, non vedo il problema.
    Probabilmente se avessero scritto non deve essere bianca, nessuno ci avrebbe fatto caso, visto che il razzismo alla rovescia è accettato e incoraggiato.

  2. Lo avevo già scritto in un altro caso simile.😃😄
    Chi cerca personale, non deve MAI precisare esclusioni del tipo: non vogliamo negri, non vogliamo beduini, non vogliamo drogati, tatuati, piercing-ati, sodomiti, satanisti, pedofili, liberali, ladri, assasini, nè altri tipi di topi di fogna.
    Deve accettare tutti i curricula, e rispondere ad ogni candidato “Grazie signore, le faremo sapere”.
    Poi ovviamente si selezionano solo le persone vere, escludendo tutti i tipi di topi di fogna.
    Ai topi di fogna si farà poi sapere in seguito: “Il suo profilo non è stato selezionato. Le auguriamo il meglio per il suo futuro”.
    Viviamo in un’epoca di massima impostura e ipocrisia, bisogna difendersi dove e come si riesce.

Lascia un commento