Giudice scarcera migrante che ha violentato sua figlia, padre: “Magistrato sei uno sozzone” – VIDEO

Condividi!




15 pensieri su “Giudice scarcera migrante che ha violentato sua figlia, padre: “Magistrato sei uno sozzone” – VIDEO”

  1. I giudici devono rispettare le leggi e i dettami costituzionali. La colpa non è dei magistrati ma della Costituzione Repubblicana che tutela chi commette reati. (vedi: dirittiumani.net/i-diritti-umani-e-il-ruolo-del-giudice)

    1. Non è affatto così, quale articolo della Costituzione legittima chi commette reati?
      Il primo a violare la Costituzione è il sedicente capo dello Stato Mottarella, rappresentante ufficiale dei golpisti al potere e capo anche dell’ANM, per coincidenza.
      I magistrati agiscono da nemici dello Stato, e come tali andranno trattati.

    2. Hai detto una gran bella CAZZATA!!! non c’è nessuna legge detta o non detta costituzionale che scarichi fuori un essere del genere,tutte le leggi non hanno una valenza precisa ma e sempre,sempre, ad interpretazione del magistrato che la applica… chissà che cazzo ha applicato questo zozzone per far uscire quell’altro zozzone!!sarà stato incensurato o qualunque altra cazzata e quel giudice ha deciso che non era un pericolo…Vorrei vedere se ci fosse stato qualunque di noi se non prendeva almeno 15 anni in direttissima!!
      CHE SCHIFO !!CONTINUIAMO AD AVALLARE IN SILENZIO E QUESTO CHE MERITIAMO!!

  2. Andate a prenderli entrambi.Al primo una fracassata di botte in modo che impari a fare il giudice,al secondo sodomizzarlo con un paletto per almeno 2 ore.Poi vedrete che anche gli altri invece di metterli in libertà li mettono dentro e buttano via la chiave.

  3. io mi rivolgerei direttamente a qualcuno a forcella, per avere giustizia nei confronti del negro e del bianco… mi violenterei la figlia del magistrato, pure se fosse cessa!.. per iniziare.. e chiederei le attenuanti visto la cessaggine della figlia

  4. Io lo avrei definito in un altro modo, che finisce sempre per “one”.
    Vedo comunque che la giustizia, meglio dire i giustiziere italiani, applicano tre pesi e tre misure. Se è un italiano a commettere un reato, pena esemplare, se è uno straniero, meglio afroislamico, il reato non sussiste.
    Non condivido l’episodio di violenza di Jesolo, ma questo è il frutto della doppiaggi e dei giustizieri.
    La gente è stanca che I delinquenti, specie stranieri, facciano quello che vogliono, perché credono di essere dei padroni, grazie al motto “del tutto dovuto e mai niente dato”, che gli viene insegnato dai buonisti.
    A torto o ragione qui la gente, se vuole vivere, deve fare giustizia da sola e non credo che gli italiani siano tutti razzisti. Credo che siamo stanchi del disinteresse che hanno i nostri comandanti verso noi. Gli unici interessi che hanno, sono quelli delle banche, delle cooperative che li appoggiano e delle organizzazioni non Governabili

Lascia un commento