Senegalese violenta tre donne italiane in poche ore: un’infermiera, una sordomuta e una ragazzina

Condividi!

Una brillante politica ha detto che è la loro cultura. Un’altra che devono essere regolarizzati.

Sul senegalese, autore di numerosi atti di violenza sessuale a Napoli, spuntano nuovi particolari. Poco prima di violentare l’infermiera nel parcheggio Metropark, aveva abusato di altre due donne.

VERIFICA LA NOTIZIA

Intanto ricordiamo il brutale stupro dell’infermiera:

Infermiera violentata da clandestino: «Il senegalese mi ha stuprata e poi ha tentato di lavarmi»

Lo scorso 3 maggio, il 20enne era stato arrestato per aver aggredito e poi abusato di un’infermiera. Terminato il suo turno di lavoro, la vittima si apprestava a far rientro a casa. Ma ha incontrato la bestia.

I carabinieri sono intervenuti per far luce sulla vicenda e hanno scoperto che nella stessa giornata il giovane aveva importunato altre due donne. Prima dell’infermiera, infatti, vittima dell’ignobile bastardo era stata una donna sordomuta.

La giovane si trovava sul corso quando è stata spinta a terra, in modo tale che l’aggressore potesse toccarle ripetutamente le parti intime. Per fortuna è riuscita a scappare ma il senegalese non si è dato per vinto: si è diretto verso una coppia di amiche ripetendo la stessa dinamica ai danni di una delle due.

Grazie alle immagini degli impianti di videosorveglianza, gli agenti sono riusciti a ricostruire la vicenda. Il senegalese è l’unico artefice dei tre atti di violenza sessuale avvenuti a Napoli quel giorno.

Nei confronti del malvivente il Gip di Napoli, Saverio Vertuccio, ha firmato una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Uno stupro consumato e due violenze sessuali in poche ore.




4 pensieri su “Senegalese violenta tre donne italiane in poche ore: un’infermiera, una sordomuta e una ragazzina”

  1. Guai dovessi avere una familiare coinvolta incolpevole dalle pulsioni di una bestia del genere, Mi vendicherei non su di lui, ma sui suoi familiari di origine, se viene scarcerato.Poi in Senegal un sicario costa relativamente poco… Pacchetto completo da 5… Lo si fa’ una volta, due, tre, alla quarta i negri incominciano a pensare che verranno puniti dove gli fa più male…

    1. Credo che il governo italiano si deve assumere tutte le responsabilità civili e morali per i danni che ci procurano i clandestini, in quanto, poichè lo accetta sul nostro territorio ne è responsabile.

    2. Ti devi vendicare su chi lo ha portato (Ong), chi lo ha fatto entrare (Comune/regione) e chi lo ospita (caritas, onlus, cooperative ecc ecc.) Lo stato deve essere garante delle incolumità dei propri cittadini.

Lascia un commento