Oggi iniziava la battaglia di El Alamein: onore agli eroi

Condividi!

Oggi, settantotto anni fa, iniziava la prima battaglia di El Alamein. Durante la seconda guerra mondiale, nello scacchiere del Nordafrica, vide contrapposte le forze italo-tedesche, guidate da Erwin Rommel, e l’8ª Armata britannica al comando di Claude Auchinleck.




8 pensieri su “Oggi iniziava la battaglia di El Alamein: onore agli eroi”

    1. Cuori d’acciaio all’erta
      Il cielo è una pedana
      Tra poco nell’offerta
      Noi piomberemo giù
      Pugnali e bombe a mano
      Viatico di morte
      E l’ansia della sorte
      Non sentiremo più!

      Aggancia la fune di vincolo
      Spalanca nel vento la botola
      Assumi la forma di un angelo
      E via pel tuo nuovo destin!

      Come folgore dal cielo!
      Canta il motto della gloria
      Come nembo di tempesta!
      Precediamo la vittoria
      Un urlo di sirena: fuori, fuori!
      E giù nell’infinito
      Sul nemico più agguerrito
      Per distruggere o morir
      Per distruggere o morir

  1. I nostri soldati uscirono sconfitti ma a testa alta. I britannici faticarono moltissimo a rompere le nostre linee di difesa, malgrado i mezzi antiquati di cui disponevamo. I tedeschi invece, che erano molto più attrezzati dei nostri, si ritirarono. Però fu un attacco quello italo-tedesco, perché l’Egitto all’epoca era sotto controllo britannico, e la controffensiva britannica comandata dal generale Montgomery, dopo averci sconfitto a El-Alamein procedeva spedita e senza problemi occupò la Libia.

    Le stupide guerre di Mussolini, che con un esercito inadeguato e impreparato voleva conquistare l’Egitto. Ma per piacere…

  2. É vero che avevamo un esercito inadeguato ma la nostra era una nazione che possedeva uno spirito forte, il Duce voleva ridare all’Italia i fasti del Sacro Romano Impero e il popolo, i patrioti, ci credevano dando la vita x questo.Oggi di quella Italia non é rimasto più nulla, cercano di frantumarne persino il ricordo tenuto vivo da pochi eredi di quello spirito nazionalista e conquistatore.
    Potessi scegliere vivrei in QUELLA Italia e preferirei farlo pur sapendo di morire in una guerra che verrà persa perché allora avevamo un’identità.

      1. Giusto da ieri sto “fermentando” una recensione ad hoc.
        “My friends, this is our final hour. Not all of us may survive the coming conflict. Yet, death may be a blessing should we fail here.”
        Perchè oltre vent’anni fa anche i giochini del cazzo tendevano a presentarci degli “eroi” positivi di tipo diverso.

  3. Faceberg ha bloccato chi ha pubblicato una foto del cippo!
    Persino gli ebrei di Repubblica fanno notare che hanno pestato una cacca…
    La motivazione dei blocchi è “organizzazioni o persone pericolose”….

Lascia un commento