In arrivo aerei carichi di marocchini per raccogliere la frutta: truffa Bellanova

Condividi!

Quella di Bellanova e del governo è una truffa ai danni degli italiani che dovrebbe portare i responsabili dritti in galera. La sanatoria, dicevano, serviva a trovare braccianti disponibili per i campi, sennò, urlavano, la frutta sarebbe marcita: era una bufala. Ad oggi sono poche migliaia le richieste di regolarizzazione di braccianti. E allora, ecco che arrivano i marocchini via aerea.

“L`appuntamento – annuncia Coldiretti – è per giovedì 2 luglio, all`aeroporto “San Francesco d`Assisi” di Perugia, dove alle 15 atterrerà il primo volo charter da Casablanca con 110 lavoratori stranieri specializzati che finita la stagione torneranno nel loro Paese. Una esigenza che non può essere soddisfatta dalla sola regolarizzazione come dimostra la bassa percentuale di adesione nel settore agricolo dove è sono sempre più necessarie esperienza, professionalità e specializzazione per un mestiere che non si puo` improvvisare. Si tratta infatti di operai agricoli stagionali qualificati che ormai da anni sono impiegati sul territorio nazionale, tanto da essere diventati indispensabili per l`attività di molte aziende nostrane dove lavoreranno soprattutto alla raccolta della frutta e degli ortaggi in piena produzione nei mesi di luglio ed agosto in Umbria, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Valle d`Aosta”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Questo perché la ‘sanatoria Bellanova’ è una truffa annunciata come regolarizzazione di braccianti necessari alla raccolta, e invece dimostratasi per quello che sapevamo. Una sanatoria di massa di spacciatori e clandestini camuffati da badanti, regolarizzati da connazionali:

Truffa Bellanova, boom di false badanti marocchine: 69mila richieste

Ed è solo uno dei voli:

Sanatoria flop, Bellanova va a prendersi i braccianti marocchini con le navi




4 pensieri su “In arrivo aerei carichi di marocchini per raccogliere la frutta: truffa Bellanova”

  1. Sono pochi quelli che vengono a lavorare in campagna da noi. Primo perché è faticoso e gente a cui hai promesso tutto gratis, non lo fa, secondo in agricoltura ci sono già addetti italiani e stranieri che normalmente lavorano e non hanno bisogno della sanatoria, terzo quest’anno, almeno qui in Emilia, ci sono state forti perdite di produzione, dovute a gelate tardive e grandine.
    Cosa raccoglieranno? Il ministro non ha la minima idea di cosa abbia bisogno l’agricoltura professionale italiana.
    Ha sbagliato ministero, mi dispiace.

Lascia un commento