Sy: “Volevo bruciare bambini italiani in nome dei migranti”, è sano di mente

Condividi!

Vedete? Sono così, non è un problema psichico. E’ la loro natura.

Osseynou Sy, il 47enne senegalese che nel marzo 2019 ha sequestrato, dirottato e incendiato un bus con a bordo 50 ragazzini, due insegnanti e una bidella di Crema, non è affetto da “vizio di mente per infermità”. Lo scrivono gli psichiatri Renato Ariatti e Franco Martelli nella perizia che era stata richiesta dalla Corte d’Assise di Milano per accertare la sua “capacità di intendere e di volere al momento del fatto” e che è stata da poco depositata.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sy non è affetto “da alcun disturbo psichiatrico inquadrabile in una diagnosi codificata” e “non è stato possibile derivare l’esistenza, all’epoca dei fatti, di uno scompenso di natura psicopatologica avente correlazione causale con le condotte antigiuridiche, di cui ai capi di imputazione, tale da potersi configurare vizio di mente per infermità”.

La bestia era lucida. E aveva questo obiettivo:

Sy, africano: “Volevo bruciare bambini italiani in nome dei migranti”




4 pensieri su “Sy: “Volevo bruciare bambini italiani in nome dei migranti”, è sano di mente”

  1. Noi abbiamo anticipato di oltre un anno i BLM, solo che da noi la sigla è più estesa BLMDN, cioè Bianchi Lasciati Morire Dai Neri. Nessuno a quell’epoca si inginocchiò, nemmeno lady boldrini, anzi avrebbe detto che sarebbe stata colpa dei bambini, perché bianchi.
    Nessuno del PD condannò il fatto.

    1. No hanno celebrato il presunto eroismo di due ragazzini perché arabo-islamici, e ai quali hanno regalato la cittadinanza, col beneplacito anche di Salvini, allora ministro dell’Interno.

Lascia un commento