Il sito di live-streaming Twitch sospende l’account di Trump per ‘razzismo’

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Qui abbiamo un losco miliardario, la cui multinazionale sfrutta nel mondo migliaia di lavoratori low-cost, che decide cosa il presidente degli Stati Uniti – e chiunque altro può o non può dire -, che, addirittura, censura un discorso promosso dai cittadini americani, visto che in base a quello lo hanno votato. In pratica: un oligarca che si intromette nel processo democratico.

Trump deve capire che non si può scendere a compromessi e che queste entità vanno colpite in modo duro. Con tutta la forza della sua presidenza. Se non è troppo tardi.

Il servizio di streaming di proprietà di Amazon Twitch ha temporaneamente bannato l’account ufficiale del presidente Donald Trump per “comportamenti odiosi”, tagliando la campagna da una piattaforma importante che utilizza per lo streaming di raduni e altri eventi.

Secondo la CNBC, Twitch ha citato due condotte di Trump nella sua decisione; una manifestazione della campagna del 2016 recentemente ritrasmessa in cui l’allora candidato Trump ha accusato il Messico di aver inviato criminali negli Stati Uniti, e le osservazioni dell’ultima manifestazione del presidente a Tulsa, in Oklahoma, dove ha usato la parola “duro hombre”.

Secondo la piattaforma di streaming di proprietà di Amazon, il canale del presidente è stato temporaneamente sospeso.

“La condotta odiosa non è consentita su Twitch. In linea con le nostre politiche, il canale del presidente Trump ha ricevuto una sospensione temporanea da Twitch per i commenti fatti in streaming e il contenuto offensivo è stato rimosso “, ha dichiarato un portavoce di Twitch in un commento a CNBC.

Twitch è di proprietà di Amazon, il cui fondatore e CEO Jeff Bezo possiede il Washington Post, una pubblicazione strenuamente anti-Trump. Anche come candidato, Trump ha regolarmente selezionato Bezos tra i CEO della Silicon Valley per le critiche, chiamandolo “Jeff Bozo”.

Ciò è avvenuto in un giorno di diffusa censura contro la destra negli Usa. I proprietari del sito di social network Reddit, noti per i loro strani gusti sessuali, hanno scelto lo stesso giorno di bandire r / The_Donald, la comunità preminente di sostenitori di Trump, che aveva accumulato 790.000 iscritti al momento del bando. Sin dalle primarie del 2015, r / The_Donald è stato uno degli hub più influenti del supporto di Trump sul web, ospitando Trump stesso per un Q&A online nel 2016.

Stanno facendo terra bruciata al presidente in vista delle elezioni. E lui lo permette.




2 pensieri su “Il sito di live-streaming Twitch sospende l’account di Trump per ‘razzismo’”

  1. Amen, uomo arancio. Fatti un altro account. Io da Twitch sono stato bandito 3 volte, di cui due per “contenuti sconvenienti a sfondo omofobo e razzista” ma non ho mai faticato a reiscrivermi e a continuare. E non ho mai nemmeno cambiato “avatar”, sempre la foto di Mussolini in frac e cilindro che fuma. E pensare che avevo anche un bellissimo “avviso ai naviganti” in tre lingue che metteva in guardia sui possibili contenuti e/o rispostacce che si potevano eventualmente ricevere.
    Quanto a Plebbit, è l’ultimo anello della catena alimentare prima delle amebe.
    Giusto la scorsa settimana il buon Donald ha iniziato a far iscrivere le sue “persone” (fra cui persino Nimrata Randhawa) a Parler (https://parler.com) e ci sono già quasi due milioni di contatti (+ 1 milione solo negli ultimi 5 giorni).
    Vedremo se anche questi faranno prestissimo la fine di GAB oppure effettivamente le cose cambieranno un po’. Certo, non è molto furbo a livello propagandistico utilizzare un social network che non permette agli esterni di vedere i messaggi pubblicati. Ma non è detto che resti così per molto.

Lascia un commento