Nordafricano massacra di botte agente e gli frattura la mano

Condividi!

Voleva andare in cortile a passeggiare in orario non consentito e ha colpito con pugni e con una stampella un agente che lo aveva invitato ad attendere l’orario previsto.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ accaduto ieri mattina, giovedì 25 giugno, nel carcere di Torino. Così un detenuto magrebino trentunenne ha massacrato un agente di Polizia penitenziaria che nel tentativo di difendere il viso ha riportato una frattura alla mano destra e una prognosi di 30 giorni.

A darne notizia, in una nota, l’Osapp: «Si tratta solo dell’ultimo, in ordine di tempo, episodio di violenza ai danni di personale di polizia penitenziaria, che ormai subisce inerme l’ira non giustificata dei detenuti – commenta il segretario generale Osapp, Leo Beneduci – l’episodio, non isolato, si connota ancor di più in gravità, per il clima di violenza cui si assiste e, che compromette nel quotidiano la sicurezza e la tutela del principio stesso di giustizia». «Arrivati a questo punto, ci si appella a che l’Amministrazione Penitenziaria periferica e centrale prenda formale consapevolezza e provvedimenti in merito ad episodi che ormai rischiano di caratterizzare nel quotidiano gli ambienti delle carceri italiane e, si chiede che ci si adoperi con assoluta urgenza per la tutela di tutto il personale penitenziario che si è sempre contraddistinto per professionalità e che subisce episodi di violenza non più tollerabili» conclude Beneduci.




Vox

2 pensieri su “Nordafricano massacra di botte agente e gli frattura la mano”

Lascia un commento