Yulin, guardate questa foto e diteci se Rita Dalla Chiesa non ha ragione

Condividi!

Assediata dai benpensanti, quelli che ritengono la stessa cosa macellare un cane o un gatto rispetto ad un qualsiasi altro animale che non ha la stessa empatia verso l’uomo, Rita Dalla Chiesa risponde e non recede:

Al di là della questione filosofica, è evidente che se qualcuno è in grado di uccidere e macellare un cane o un gatto, allora è capace di tutto. Un po’ come i musulmani che passano con molta facilità dallo sgozzare con brutalità un agnellino, osservandolo mentre muore dissanguato goccia a goccia, ad un infedele.

Dobbiamo chiederci con quale popolo ci stiamo confrontando. Non è un caso se tutte le pandemie hanno avuto origine in Cina.

Anche quest’anno in Cina si tiene l’orripilante festival della carne canina e felina di Yulin:

Here's a "pet store" in Yulin, China

Posted by Traditional Britain Group on Wednesday, June 17, 2020

Come è possibile fare affari con gente del genere? Il coronavirus è solo la reazione della natura ad abitudini culinarie spaventose.

Cina: milioni di cani e gatti mangiati ogni anno

Gatti e cani, la cui carne e’ ampiamente consumata dai cinesi, l’associazione americana Humane Society International stima che 10 milioni di cani siano uccisi ogni anno in Cina per la loro carne, sono stati esclusi per la prima volta da un elenco ufficiale di animali commestibili.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il testo e’ stato pubblicato dal ministero dell’Agricoltura.

La decisione, che non è un divieto ma un atto puramente formale che non cambia praticamente nulla, arriva dopo il divieto di febbraio sul commercio e il consumo di animali selvatici, per la diffusione del coronavirus. Divieto già rimosso.

In particolare, migliaia di questi animali sono macellati durante la festa della carne di cane di Yulin, in condizioni ritenute crudeli dai difensori degli animali.




Vox

6 pensieri su “Yulin, guardate questa foto e diteci se Rita Dalla Chiesa non ha ragione”

  1. Per quanto io possa trovare “barbarico” ciò che fanno i Cinesi o gli Islamici sarebbe poco accorto da parte mia non ricordare che i carinissimi ed intelligentissimi porcellini vengono normalmente sgozzati per recuperarne il sangue. Io poi il sanguinaccio manco lo mangio, però il macellaio da cui mi servo ne vende delle quantità impressionanti.
    A questo proposito, vi consiglio la leggerissima “Brudera” nella versione della Zia Fiorella.
    http://www.ricetteziafiorella.com/2013/09/brudera-piatto-della-cucina-povera.html

  2. Il problema è sempre lo stesso, anche con certe statue che ultimamente sembrano “far discutere” più del solito: dove sta scritto che dobbiamo vivere insieme? Perché dobbiamo condividere territorio, fette di economia, “cultura” (la cultura vera non può mai essere multirazziale) con persone di razza diversa? (((Chi))) ha stabilito che le nostre nazioni, fondate da tribù bianche di alcune delle quali portano il nome stesso, debbano essere popolate da tribù di altre razze? In assenza di risposte a queste domande saranno sempre le emozioni estemporanee a guidare le scelte e le dichiarazioni dei più. Dichiarazioni tecnicamente condivisibili, sia chiaro, i Cinesi andrebbero sterminati (tranne i Tibetani, che non sono Cinesi). Le guerre mondialiste tuttavia non servono mai a togliere di mezzo popolazioni incompatibili col concetto di umanità, ma a integrare parte di esse nelle nazioni un tempo Bianche, disumanizzandole ulteriormente. Sia sempre la ragione, non l’emozione, a guidare le nostre scelte.

  3. Togli ai popoli extrabianchi la creatività propria dei popoli occidentali e ripiomberanno nel medioevo (nel caso degli africani nel neolitico), o, nella migliore delle ipotesi, continueranno a girare come un motore a folle senza più fare passi avanti nella tecnologia e nella scienza.

        1. Io non arriverò mai primo, ma punto a lasciare come “secondo posto” il ricordo di Gilles. Farai il tifo per me, Dio della Guerra e della Vendetta?
          Prometto che mi farò riconoscere. Non avrai il dubbio che possa essere un altro,

Lascia un commento