Meluzzi: “E’ il tracollo della società dei consumi”

Condividi!

A nostro avviso è una fase di questo tracollo. Che avverrà a più fasi prima di avvitarsi completamente su se stesso.

Posted by Alessandro Meluzzi on Thursday, June 4, 2020




5 pensieri su “Meluzzi: “E’ il tracollo della società dei consumi””

  1. Purtroppo il filmato si è interrotto bruscamente, lo andrò a cercare in internet, voglio sentire il parere di Meluzzi per intero, è un uomo lungimirante, i suoi interventi quando non parla di metafisica (religione) sono piuttosto interessanti, la settimana scorsa postavo di un futuro dove il 29′ sarà una Disneyland a confronto. Meglio costruirsi un bunker, ho già qualche idea… su youtube ce n’erano certi della seconda tondi bellissimi, è un po’ che mi documento, anche case ipogee, che per una loro peculiarità naturale non necessitano di riscaldamento, la temperatura rimane costante. Dicono che non sono umide ma su questo ho dei leggeri dubbi.

  2. Concordo, come quasi sempre, con la redazione. Siamo solo ad una delle fasi.
    Ma dipenderà anche dal virus come si comporterà. Se si dichiarerà estinto, e non ci sarà una seconda ondata, diciamo che ci sarà stato un danno economico, ma la società come la conosciamo andrà avanti. Se invece, come credo, si ripresenterà e molto più aggressivo, per vari motivi, intanto dovremo sorbircelo per tutta la stagione autunno-inverno, non solo per qualche mese alla fine dell’interno, perché la gente si sta disabituando alle distanze e comincia a tenere comportamenti non corretti, che se in estate in cui come ogni virus è debole, poi saranno devastanti quando si starà in luoghi con le finestre chiuse e quando le difese immunitarie con meno sole e più umidità si abbasseranno, e allora lo stress psicologico, oltre che economico, si farà sentire.
    E, ricordate bene, l’ambientalismo e molte altre fregnacce progressiste, sono incompatibili con una società che declina economicamente, semplicemente la gente preferisce mangiare che dedicarsi agli ideali. Primum vivere, deinde…

Lascia un commento