Flop sanatoria: nessuno vuole regolarizzare i clandestini di Bellanova

Condividi!

Alla fine regolarizzeranno solo migliaia di spacciatori della mafia nigeriana spacciati per badanti.




5 pensieri su “Flop sanatoria: nessuno vuole regolarizzare i clandestini di Bellanova”

  1. Ma in realtà è sempre stata una copertura : il disegno è usare qualsiasi grimaldello per fare acquisire qualche pezzettino di legalità a questa feccia, poi un passo dopo l altro si reclamerà la cittadinanza , e quindi il voto che quei coglioni del PD pensano andrebbe a loro. Se continua qs deriva sarà inevitabile un Nuovo Risorgimento con tanto di capacità di interdizione.🇮🇹

  2. LA VERITA’ E ‘ CHE MOLTI LAVORATORI NEGRI ROMPONO IL CAZZO ed essere regolarizzati significa non poterli ne licenziare ne mandarli via, siccome gli unici italiani coglioni sono quelli al governo che non sanno cosa è il reale lavoro gli imprenditori dicono chiaramente a loro ed ai negri : andate a fare in culo!

  3. Ma è normale che sia così. L’Italia proprio in questo momento non ha alcun bisogno di importare manodopera straniera. Prima della crisi del 2008 ne aveva sicuramente bisogno, ma non a livello tale da farne venire così tanti ed avere oggi una popolazione straniera regolare di 5 milioni di unità, l’8% del totale. A cui vanno sommati 1 milione di naturalizzati.

    Se l’Italia fosse stata rappresentata da uno Stato normale e funzionante (quando in realtà è una repubblica delle banane), in questi ultimi 20 anni avrebbe fatto arrivare regolarmente POCHI IMMIGRATI e solo quelli che EFFETTIVAMENTE fanno i lavori che i nostri concittadini non vogliono fare. Dobbiamo essere onesti, negli anni scorsi, quando vi era un maggiore benessere, i settori a carenza di manodopera interna ci sono stati, perché purtroppo è da mezzo secolo – con questa scuola sessantottina che non educa e non forma a livello culturale e professionale – che i nostri giovani vengono diseducati dalle famiglie e di conseguenza gli viene inculcato che devono snobbare i lavori umili e faticosi, per i quali venivano assunti gli immigrati. Abbiamo troppi giovani laureati in giurisprudenza e scienze della comunicazione, che non servono a nulla e potrebbero benissimo andare a lavorare nei campi.

    Una gestione corretta e selettiva dell’immigrazione, oggi ci avrebbe fatto avere non più di 1 milione di stranieri, e possibilmente di ceppo europeo. Invece si procede sempre a colpi di sanatorie di clandestini e con i ricongiungimenti familiari abbiamo 5 milioni di stranieri e circa 1 milione di irregolari, di cui 3/4 creano solo inutile sovrappopolazione.

Lascia un commento