Poliziotta svedese si inginocchia davanti ai suprematisti neri – VIDEO

Condividi!

In Svezia, a Stoccolma, durante una manifestazione di antifa e africani per la morte di Pink Floyd, una poliziotta si è inginocchiata e sottomessa in sostegno al gruppo razzista Black Lives Matter come la conduttrice Myrta Merlino in Italia.

Ovviamente dietro queste sceneggiate non c’è un pensiero reale, ma il vuoto modaiolo. Di nulla sta morendo la civiltà occidentale.

Finirà molto male.




10 pensieri su “Poliziotta svedese si inginocchia davanti ai suprematisti neri – VIDEO”

  1. Tra una poliziotta bianca in ginocchio implorante perdono ai negri per il nulla eppure senza bavaglio, e la Meloni o Salvini con la mascherina, meglio la poliziotta svedese bianca. Il coraggio uno, se non ce l’ha, mica, se lo può dare. Viva il Coronavirus. Viva gli Ebrei che danno un senso alla nostra battaglia.

    1. Fino a prova contraria gli ebrei, almeno per ora, sono la nostra assicurazione contro la diffusione degli islamici. Se non ci fosse Israele come baluardo – per tenere a bada l’Iran, Hezbollah in Siria, Hamas a Gaza e i Paesi Arabi – le cose andrebbero molto peggio in Europa.
      Considerate inoltre che hanno una posizione predominante nell’uso dei droni in quell’area, molti terroristi dell’ISIS sono stati fatti fuori senza che nessuno abbia capito chi e da dove provenisse l’attacco. Hanno altresì fatto da tramite tra USA e russi durante la guerra in Siria poichè i due (USA e Russia) non si parlavano ma Israele parlava con tutti e due. Altresì Israele ha fatto una cosa incredibile: ha messo a disposizione dei russi il proprio spazio aereo per operazioni di bombardamento a sud della Siria contro l’ISIS. I jet russi bombardavano in Siria e rientravano sulle portaerei sorvolando Israele (far sorvolare il proprio territorio per azioni di guerra significa fornire un credito illimitato).
      Vale la pena di rilevare che al largo di Israele fin verso l’Isola di Cipro c’è un enorme giacimento sottomarino di petrolio i cui diritti di sfruttamento sono stati negoziati, da Israele, con i russi (non con gli americani).

      1. Ti consiglio di reperire il famoso video di Barbara Lerner Spectre dove illustra alcune delle modalità con cui i giudei utilizzano la marmaglia contro di noi. E lo dice lei che è la moglie del rabbino capo di Stoccolma oltre che la fondatrice di “Paideia”, l’istituto europeo per gli studi ebraici. Non lo dico io che sono un nazi cattivo.

  2. Questo è un altro messaggio, dopo quello di Aisha, che per arrendere l’occidente è sufficiente la boldrini, Bellanova e bonino, che con le loro idee stanno inginocchiato l’Europa.
    C’è chi usa l’idea della violenza e chi la violenza dell’idea. Dipende sempre dall’idea.

  3. Fino a prova contraria gli ebrei, almeno per ora, sono la nostra assicurazione contro la diffusione degli islamici. Se non ci fosse Israele come baluardo – per tenere a bada l’Iran, Hezbollah in Siria, Hamas a Gaza e i Paesi Arabi – le cose andrebbero molto peggio in Europa.
    Considerate inoltre che hanno una posizione predominante nell’uso dei droni in quell’area, molti terroristi dell’ISIS sono stati fatti fuori senza che nessuno abbia capito chi e da dove provenisse l’attacco. Hanno altresì fatto da tramite tra USA e russi durante la guerra in Siria poichè i due (USA e Russia) non si parlavano ma Israele parlava con tutti e due. Altresì Israele ha fatto una cosa incredibile: ha messo a disposizione dei russi il proprio spazio aereo per operazioni di bombardamento a sud della Siria contro l’ISIS. I jet russi bombardavano in Siria e rientravano sulle portaerei sorvolando Israele (far sorvolare il proprio territorio per azioni di guerra significa fornire un credito illimitato).
    Vale la pena di rilevare che al largo di Israele fin verso l’Isola di Cipro c’è un enorme giacimento sottomarino di petrolio i cui diritti di sfruttamento sono stati negoziati, da Israele, con i russi (non con gli americani).

    1. Ve l’immaginate una piazza di sardine che si sottomettono adoranti ad un clandestino nero posto su un palco?
      Sembrerebbe fantascienza, e solo 20 anni fa, ma diciamo anche 10 anni fa, lo sarebbe stata.
      Stanno accelerando il piano, e non capisco bene il perché, forse perché si accorgono che ‘possono’, non trovano opposizione, e di questi deficienti ormai ce ne sono tanti, la moda fa il resto. Tra qualche mese saremo qui a commentare di ragazzine che si sono date per spirito di ‘amicizia’ e saranno finite sulla cronaca nera.

Lascia un commento