Persi 500mila posti di lavoro ad Aprile: regolarizzano 500mila clandestini

Condividi!

Vi sembra normale? A noi no.

Ad aprile l’effetto dell’emergenza Covid-19 sul mercato del lavoro appare decisamente più marcato rispetto a marzo: l’occupazione ha registrato una diminuzione di quasi 300 mila unità, che ha portato nei due mesi a un calo complessivo di 400 mila occupati e di un punto percentuale nel tasso di occupazione.

Rispetto ad aprile 2019 il calo è stato di quasi 500mila unità. E’ la stima preliminare diffusa dall’Istat.La diminuzione dell’occupazione (-1,2% pari a -274mila unità) è generalizzata: coinvolge donne (-1,5%, pari a -143mila), uomini (-1%, pari a -131mila), dipendenti (-1,1% pari a -205mila), indipendenti (-1,3% pari a -69mila) e tutte le classi d’età, portando il tasso di occupazione al 57,9% (-0,7 punti percentuali).

Il netto calo congiunturale dell’occupazione determina una flessione rilevante anche rispetto al mese di aprile 2019 (-2,1% pari a -497mila unità), verificata per entrambe le componenti di genere, per i dipendenti temporanei (-480mila), per gli autonomi (-192mila) e per tutte le classi d’età, con le uniche eccezioni degli over 50 e dei dipendenti permanenti (+175mila). Il tasso di occupazione scende di 1,1 punti percentuali.

In tutto questo cosa fanno? La sanatoria dei clandestini. Un branco di deficienti al governo.




2 pensieri su “Persi 500mila posti di lavoro ad Aprile: regolarizzano 500mila clandestini”

Lascia un commento