Onu, la marionetta di Soros: in Usa il razzismo è endemico

Condividi!

Qualcosa ci dice che presto, dopo l’Oms, anche l’Unhcr perderà i finanziamenti americani. Ed è un gran bella notizia.

La pandemia e le manifestazioni per la
morte di George Floyd hanno messo in
luce le “discriminazioni razziali ende-
miche” degli Stati Uniti. Così l’alto
commissario Onu per i diritti umani,
Michelle Bachelet, in una nota.

“Il virus ha rivelato disuguaglianze
troppo a lungo ignorate”, ha spiegato.
Mentre le proteste hanno messo in
evidenza “non solo le violenze della
polizia contro le persone di colore, ma
anche le disuguaglianze nella sanità,
l’istruzione e il lavoro, e la discri-
minazione razziale endemica”.

Questa è quella che protestava contro la chiusura dei porti italiani. Una marionetta, costosa, di Soros.

Sfasciare negozi, distruggere tutto e pestare anziani bianchi che difendono le proprie cose non è razzismo? L’Onu è un’entità sovranazionale da sciogliere. Lavorano per destrutturare etnicamente l’Occidente. Sono agenti della Grande Sostituzione.




3 pensieri su “Onu, la marionetta di Soros: in Usa il razzismo è endemico”

  1. Ma se l’ONU è un’entità sovranazionale votata al genocidio, allora la Seconda Guerra Mondiale non l’hanno vinta i buoni? Non posso crederci, ci deve essere un errore di valutazione.

Lascia un commento