Chi era George Floyd: un delinquente comune in carcere per rapina a mano armata

Condividi!

Chi era George Floyd, l’ultima icona del vittimismo nero e antibianco globale? Per chi conosce il francese, lo spiega bene l’intellettuale ebreo francese Zemmour.

Floyd era un noto delinquente che aveva passato almeno 5 anni in carcere per rapina a mano armata e consumo di droga. Che poi, al di là di quello che dice l’autopsia del perito della famiglia, e non indipendente come scrivono i nostri media, sarebbe il vero motivo della morte. Insieme a pregressi problemi cardiaci.

Ovviamente non giustifica un eventuale omicidio. Ma spiega il perché del modo in cui è stato arrestato. Non era un povero cittadino fermato a caso.

Questo detto, come sia morto è totalmente ininfluente rispetto a quello che sta avvenendo. La scintilla poteva essere una a scelta. Il problema è avere la casa piena di dinamite.




2 pensieri su “Chi era George Floyd: un delinquente comune in carcere per rapina a mano armata”

  1. Lo sbirro e il morto erano anche stati “colleghi” per un periodo. Impossibile che non si conoscessero. Il prezzo del carburante diesel nel filmato dell’arresto è 99 centesimi. Non corrisponde ai prezzi correnti. “Crisis actors”?

Lascia un commento