Assalto tunisino a Lampedusa: migliaia sbarcano per farsi regolarizzare – VIDEO

Condividi!

Tra Lampedusa e la Sicilia, nelle ultime settimane migliaia di tunisini sono sbarcati. Molti scappati dall’Italia al tempo di Salvini, stanno tornando per fingere di non essersene mai andati e ottenere la regolarizzazione: e poi spacciare senza problemi.

La sindaca Martello è inascoltabile. Secondo lui gli sbarchi sono inevitabili. Roba da ricovero: con Salvini erano praticamente azzerati solo dopo pochi mesi da ministro.

li sbarchi autonomi delle ultime settimane a Lampedusa e sulle coste dell’Agrigentino hanno messo a nudo un fenomeno che preoccupa la Procura di Agrigento. Un vero e proprio allarme: barconi carichi di delinquenti:

Tunisia svuota le carceri e scatta l’assalto alle coste italiane: raffica di sbarchi, è invasione

“A bordo di quelle imbarcazioni c’è un gran numero di giovani tunisini con precedenti penali già espulsi dall’Italia che ritornano”, dice il procuratore Luigi Patronaggio, uno non certo xenofobo, che ha appena firmato il fermo di alcuni di loro ritenuti gli scafisti dell’ultimo barcone con 51 clandestini a bordo arrivato qualche giorno fa a Lampedusa. E 63 tunisini sono arrivati direttamente a Pantelleria.

Vengono a farsi regolarizzare:

Spacciatori tunisini sbarcano in Italia per farsi regolarizzare: scovati sui barconi

L’attività della Procura di Agrigento, in sinergia con la Squadra Mobile, è particolarmente mirata sul reingresso illegale in Italia di cittadini tunisini già ritenuti indesiderati per pregresse attività illecite.




2 pensieri su “Assalto tunisino a Lampedusa: migliaia sbarcano per farsi regolarizzare – VIDEO”

  1. Questo non fa notizia, sono ormai tratte super consolidate con presto orari regolari, bar e piscina a bordo. La vera notizia sarebbe un movimento inverso: “ASSALTO ITALIANO A TUNISI: MIGLIAIA DI PENSIONATI SBARCANO PER FARSI REGOLARIZZARE E VIVERE ESENTASSE”

Lascia un commento