Immigrati esigono cimiteri islamici: non vogliono vicini i morti italiani, per loro sono impuri

Condividi!

Questa storia dei musulmani che vengono a dettare legge a casa nostra deve finire. Se fossimo noi a chiedere di non seppellire i nostri morti accanto ai loro, i media partirebbero con la solita sceneggiata del ‘razzismo’. Invece se ne escono con articoli deliranti sui ‘poveri’ musulmani che non possono seppellire i propri morti lontano dagli impuri italiani cristiani.

A parte quell’invasata di Aisha non esistono musulmani italiani, sono tutti sedicenti italiani. Gente che deve tornare a casa. Da viva. Non possiamo coesistere sullo stesso territorio.




3 pensieri su “Immigrati esigono cimiteri islamici: non vogliono vicini i morti italiani, per loro sono impuri”

  1. Correggo: li hanno fatti entrare, senza sapere che l’islam è una religione politica militare. Il cristianesimo è una relazione con Dio e nessuno è obbligato o può obbligare gli altri a diventare cristiani è scritto in maniera chiara nella bibbia.
    Ci sono e conosco molti atei, o “cristiani a metà”, che mettono in dubbio l’esistenza di Dio, ma NON HANNO MAI FATTO DEL MALE A NESSUNO.
    L’Islam non è così.
    Molti si illudono che i musulmani possano distinguere l’aspetto religioso, da quello politico, rispettando le leggi del paese in cui vivono.
    Alcuni lo fanno, specie quelli che vivono da decenni qua e che tutto sommato hanno avuto una concezione laica della loro religione, ma quelli che sbarcano qui come falsi profughi e/o le seconde e terze generazioni, come accade in Francia e Belgio, in cui non si sentono europei, applicano quello che dice la legge cranica.
    Difatti io ho letto dal corano, “che è abominio per un buon musulmano seguire leggi che non siano dettate dal corano.”
    Non mi ricordo più la sura corrispondente, ma comunque si capisce bene che nonostante la libertà occidentale, loro vogliono mantenere la loro mentalità orientale.
    Questo discorso I buonisti non lo hanno ancora capito e purtroppo chi lo sostiene è bollato come razzista o fascista.
    Il problema è che stiamo ipoteca do il futuro dei nostri figli e saranno loro poi a rivoltarsi, contro a chi sarà ancora vivo, per questa “vivisezione”

Lascia un commento