Sbarchi quadruplicati e clandestini in fuga dal resort con piscina

Condividi!

Gli sbarchi sono quasi quadruplicati rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’effetto Bellanova è evidente, i tunisini si stanno imbarcando a migliaia. Per lo più ex detenuti come spiegato dalla Procura di Agrigento. Un pericolo per la sicurezza sanitaria e pubblica:

VERIFICA LA NOTIZIA
La protesta di Siculiana contro l’uso del lussuoso resort Villa Sikania come centro accoglienza per clandestini ha sortito solo il trasferimento di una cinquantina di extracomunitari. Lo spostamento è avvenuto nel pomeriggio ieri dopo che due notti fa un ventina di tunisini, che erano in quarantena anti-Covid, erano riusciti a scappare.

Immigrati appena sbarcati giocano a calcio a bordo piscina in resort riaperto per loro – VIDEO

Si è trattato della seconda fuga nel giro di pochissimo tempo. Sindaco, assessori e consiglieri erano tornati dunque a protestare ieri con un sit-in, davanti a Villa Sikania. “Ho incontrato il prefetto e il questore di Agrigento ai quali abbiamo ribadito che almeno il numero degli ospiti deve essere contenuto, anche perché c’è da rispettare le distanze di sicurezza – ha spiegato il sindaco di Siculiana, Leonardo Lauricella, – Al momento nella struttura, ci sono 70 immigrati. Ho rappresentato che i siculianesi sono molto preoccupati per la doppia emergenza: immigrazione e Covid”. Il senso di insoddisfazione del sindaco e della gente è palpabile, sviluppi son attesi nelle prossime ore.

Tra l’altro i clandestini non sono soddisfatti del resort con piscina, perché mancano le sigarette:

Clandestini lasciano quarantena: “dobbiamo uscire, vogliamo sigarette” – VIDEO

Nelle scorse ore ad intervenire sull’accaduto è stato il leader della Lega, Matteo Salvini: “Decine di immigrati in fuga dalla quarantena in provincia di Agrigento: il governo spalanca i porti a migliaia di clandestini e non è in grado di controllarli, mettendo a rischio la salute di tutti – ha dichiarato l’ex ministro dell’interno – Dal primo gennaio al 28 maggio 2019 si contavano 1.490 sbarchi, contro i 4.838 dello stesso periodo di quest’anno. Governo di complici o di incapaci?”

Intanto davanti al Villa Sikania le forze dell’ordine presidiano gli ingressi, il tutto per prevenire altre fughe di clandestini potenzialmente infetti. Ma ormai il danno è fatto.

E la domanda è questa: perché i tunisini non vengono direttamente respinti in Tunisia invece di essere piazzati prima su navi da crociera e poi in resort di lusso? Il Pd ha trovato un nuovo business: la quarantena a spese dei cittadini italiani.

E gli sbarchi si sono moltiplicati con l’effetto richiamo della sanatoria:




Lascia un commento