Ragazza bianca indagata perché si sente minaccia da uomo nero

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Mentre orde scatenate di afroamericani mettono a ferro e fuoco Minneapolis e altre città americane, Amy Cooper, una ragazza bianca newyorkese viene ‘investigata’ da una sorta di psicopolizia, la New York City Commission on Human Rights, perché, sentendosi minacciata dalla presenza di un uomo nero, ha osato chiedere l’intervento della polizia a Central Park:

Presto le donne bianche saranno indagate anche se rifiuteranno la compagnia dei non bianchi.




6 pensieri su “Ragazza bianca indagata perché si sente minaccia da uomo nero”

  1. “Presto le donne bianche saranno indagate anche se rifiuteranno la compagnia dei non bianchi.”: non solo, anche cose ben peggiori, tipo essere obbligate a mettervisi assieme o a tro***rvici (cosa che da decenni i mass media fanno attraverso pubblicità, film e telefilm, in cui si enfatizza la virilità dei neri), oppure di non denunciare mai uno stupro subito da uno di loro. Ca**o, ma quand’è che dobbiamo reagire? Il tempo per assistere impotenti alla propria umiliazione per noi uomini bianchi, è scaduto, quindi o tiriamo fuori le palle adesso o per noi è finita!

Lascia un commento