Legnini difende attacco a Salvini: «Lo rifarei», Salvini: “Azzerare il CSM”

Condividi!

«Si trattò di un intervento doveroso, che rientra nelle competenze del Consiglio superiore. Svolto esclusivamente a tutela dell’indipendenza della magistratura dagli altri poteri dello Stato. E che rifarei esattamente negli stessi termini. Poiché mi sono sempre battuto per affermare le reciproche sfere di autonomia tra magistratura e politica. I messaggi oggi pubblicati non hanno nulla a che vedere, dunque, con la vicenda Palamara. Di cui le cronache si stanno occupando da un anno». Lo ha dichiarato in una nota Giovanni Legnini, ex vicepresidente del Csm. Oggi Legnini è stato travolto dalle polemiche. La Verità ha pubblicato altre chat.

La risposta di Salvini:

Giovanni Legnini si arrampica sugli specchi definendo “doveroso” il proprio intervento a proposito dell’inchiesta sugli immigrati a bordo della Diciotti. Legnini ha espressamente scritto a Luca Palamara un sms dai toni imperativi: “domattina dovete produrre una nota”. Non è nei compiti del vicepresidente del Csm chiedere, pressare o sollecitare. Azzeriamo il Csm e sorteggiamo i futuri componenti.

Posted by Matteo Salvini on Thursday, May 28, 2020




3 pensieri su “Legnini difende attacco a Salvini: «Lo rifarei», Salvini: “Azzerare il CSM””

  1. Se ci fosse un presidente della Repubblica degno di tale nome avrebbe immediatamente sciolto il CSM… Invece un assordante silenzio giunge dal colle… 2 + 2 = nn fa sempre 4. Siamo in Italia dove la magistratura è impegnata più a fare fuori politici “scomodi” che a giudicare criminali.

Lascia un commento