Il PD copriva Patronaggio: è stato un golpe istituzionale contro Salvini

Condividi!

Il 24 agosto 2018, Legnini, vicepresidente in quota PD del CSM (il presidente è Mattarella) scrive a Palamara: “Luca, domani dobbiamo dire qualcosa sulla nota vicenda della nave”. Palamara risponde: “Ok, sono pronto”, ma Legnini sembra avere fretta: “Sì, ma domattina dovete produrre una nota, qualcosa insomma”. Il pomeriggio successivo arriva la nota esce e il caso della Diciotti viene messo all’ordine del giorno del plenum del Csm.

Pochi giorni prima, era stato Palamara a scrivere un SMS. Parlando di Salvini: “Ha ragione…ma ora bisogna attaccarlo”.

Architetto di questa offensiva politico-giudiziaria è il PD Legnini:

Quello che emerge evidente, da questo verminaio politico-giudiziario, è la presenza di una rete di potere incancrenita sui gangli dello Stato, distesa in questi decenni dagli interessi che hanno come referente il PD.

Non crederete sia un caso che Patronaggio imponesse gli sbarchi di clandestini dalle navi Ong. E non penserete che lo facesse senza copertura politica. Parliamo dello stesso magistrato che frequentava convegni della sinistra. E non crederete che le ong si piazzassero per caso proprio in acque di competenza della sua procura: sono tutti parte della stessa cricca di potere.

E’ stato del resto lo stesso Patronaggio a ricevere un sms da Palamara: “Siamo tutti con te, anche Legnini..”. Come dire: il Pd ti copre le spalle.

Non hanno mai vinto un’elezione due decenni, eppure sono riusciti a controllare ogni entità statale che dipende dalle nomine. Quello che i complottisti definirebbero ‘deep state’.

Il primo burocrate è al Quirinale. Di fatto in mano loro da una vita. E siccome il Presidente della Repubblica nomina senatori a vita, membri della Consulta e del CSM ecco che abbiamo la spiegazione del complotto in piccola parte svelato da queste intercettazioni.

Un’incrostazione di potere che nulla ha di democratico e che vuole impedire al popolo di esprimere la sovranità nell’azione politica.

Per questo è impossibile pensare di riformare questo Stato senza prima travolgere le incrostazioni che lo parassitano. Per questo è puerile rivolgere le proprie lamentele a quello che è il loro riferimento nelle istituzioni: Mattarella.

Il Palazzo non si riforma da solo. Si abbatte e si ricostruisce.

Quanto avvenuto nell’ultimo anno, era il terrore di questo grumo di interessi di perdere il potere con l’arrivo al governo dei populisti. E quello che rivelano queste intercettazioni è un colpo di stato istituzionale che per mesi ha tentato in tutti i modi e con tutti i mesi di fare fuori Salvini.

Non basterà tornare al governo. Il prossimo governo sovranista dovrà essere rivoluzionario: azzerare le burocrazia anti-democratiche deve essere un imperativo. Via CSM, Consulta e ogni entità non eletta. L’unico potere democratico appartiene al popolo e ai suoi rappresentanti, tutto il resto è fetida aria di vecchio regime.

Ma per tornare al governo serve un leader che si renda conto di quanto sta accadendo: ai colpi di stato si risponde con la forza della piazza. Quel Palazzo va stretto d’assedio.

Abbiamo accettato come normale che la maggioranza degli italiani stia all’opposizione: tutto ciò non è normale. E non è normale che i partiti che hanno la maggioranza dei voti l’abbiano accettato come normale.

Conte deve cadere. Ma l’anello è al Quirinale.




3 pensieri su “Il PD copriva Patronaggio: è stato un golpe istituzionale contro Salvini”

  1. Tutto sacrosanto e vero in ogni parola, peccato che la caduta del Deep State italiota (che poi in fondo è lo Stato nato nel 1946) sia subordinato a cosa accadrà negli USA a novembre. Salvino almeno in quello è sul pezzo, ma nel migliore dei casi si dovrà accontentare di dividere il potere, nell’era post-italiota (se mai verrà), con le altre realtà anti-sistema che si stanno costituendo. Prezzo da pagare per non aver avuto le palle a tempo debito. Chi è consapevole della guerra in atto non può far altro che essere guardiano di idee sane e costruttive per ciò che verrà dopo, che non sarà più Repubblica Italiana (per fortuna!).

  2. Anche io sono dell’idea che da questa situazione non se ne esca se non sollevandoli di forza, infatti qualsiasi governo posticcio avrebbe le mani legate, sarebbe una farsa, come appunto il periodo in cui salvini fermava le navi e gli altri con scuse degne della commedia dell’arte le facevano entrare in porto. Insomma prima la beffa e poi il danno.

  3. Un po di storia…breve.Negli anni ’50/60/70 Il PCI era solito mandare nelle università italiane-Lettere/ingegneria/Giurisprudenza ecc elementi di provata fede comunista-in particolare alla facoltà di legge e Lettere-per segnalare al partito i migliori laureati.Il Pci provvedeva in seguito a contattare i suddetti laureandi per introdurli poi alla carriera in magistratura e nel mondo della scuola tramite concorsi in cui sapevano già chi dovevano assumere…..Se ne ricorda qualcuno di questo fatto?Non lamentiamoci poi se i legami con la magistratura sono rimasti inalterati nonostante abbiano cambiato nome 4 volte,e visto l’andazzo odierno prepariamoci alla quinta…..Forse a qualcuno è sfuggito l’uso che hanno fatto della magistratura,della stampa e della televisione nel corso degli anni per abbattere l’avversario,a cominciare da Berlusconi(26 anni di persecuzione giudiziaria)prima,ora di Salvini ed in futuro della Meloni.

Lascia un commento