Meluzzi: è allarme dittatura sanitaria – VIDEO

Condividi!

Meluzzi: «il virus sta morendo». E questo potrebbe rappresentare «una disgrazia per governo, venditori di microchip e vaccini-porcherie». Cosa che ha apertamente sostenuto ancora ieri in un’intervista a Radio Radio in cui, dalla gestione dell’emergenza Covid agli assistenti civici, Meluzzi ha smontato linee e provvedimenti dettati fin qui dall’esecutivo. Aprendo a scenari inediti e inquietanti. In cui volontari e “spie dell’aperitivo” (come formulato ironicamente da Salvini), ideati da quella che Meluzzi definisce una “dittatura sanitaria”, sono figure subito smontate da politici, media e opinione pubblica, che per il prof vanno di pari passo con la «vergogna di quelli psichiatri che – cinguetta su Twitter Meluzzi – violando il giuramento di Ippocrate, si prestano a fare gli sbirri in Tso di regime contro i dissenzienti. Come ai tempi di Stalin».




5 pensieri su “Meluzzi: è allarme dittatura sanitaria – VIDEO”

  1. Oggi al mercato di Orbassano un vecchio si è improvvisato civic ed ha chiamato i carabinieri per far multare un venditore che non stava indossando la mascherina. Era fuori e qui non siamo a roma o in lombardia. Subito sono arrivati i cc. QUESTA E’ DITTATURA. Occorre ribellarsi. Chi incontra un civic LO DEVE PESTARE A SANGUE!

    1. Allora… quando uno parla emette goccioline di saliva, se la dentatura è imperfetta il fenomeno aumenta e mi spiace ma se uno affetta i salumi, taglia formaggi, covid o non covid che ci sputi dentro mi fa schifo! Hai mai visto gente che va al bagno nel retrobottega e poi torna senza indossare guanti, ne usare le apposite pinze, pretende di servirti? Io ne ho già mandati dove non batte il sole parecchi. Guarda che (a parte lo schifo) i pericoli di inguaiarsi in salute sono notevoli. L’igiene è importante, documentati.

  2. Bel video. Esattamente quello che succederà presto. Il mondo ideale a misura d’uomo dove non ci sarà spazio per gente con mentalità ingessata, mancanza di flessibilità e resistenza ai cambiamenti.

  3. L’account del video è stato sospeso (non sorprende e conferma la gravità della situazione…)
    Qualcuno per caso ricorda il nome dell’intervistatore? E se esistono altre piattaforme oltre Youtube dove potrebbero essere ancora visibili questo e altri video correlati?

Lascia un commento