Coronavirus: forte aumento di morti e contagi, 2/3 in Lombardia

Condividi!

Sono 117 i morti per coronavirus nelle ultime 24 ore rispetto ai 78 di ieri. In totale, dall’inizio dell’emergenza, le vittime sono 33.072. I nuovi casi registrati rispetto a ieri sono 584 rispetto ai 397 di ieri. Il 65% dei quali in Lombardia.

Con questi numeri, non certo comunque drammatici, coglieranno l’occasione per non riaprire la Lombardia e probabilmente altre regioni.

“L’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo – spiega l’assessore al Welfare lombardo Giulio Gallera – precisa che fra i 198 positivi della giornata odierna sono compresi anche 168 tamponi processati da un laboratorio privato, che sono stati effettuati a seguito di test sierologici fatti su iniziativa dei singoli cittadini e che sono stati processati negli ultimi sette giorni”. “Fra l’altro, l’Ats di Bergamo segnala che 118 dei 168 (circa il 70%) tamponi – continua Gallera – risultano debolmente positivi; presentano tracce di RNA virale e vengono considerati positivi in via precauzionale. Pertanto sui 118 debolmente positivi verrà effettuato un secondo tampone tra una settimana da parte di ATS”.

Tra gli attualmente positivi al coronavirus, 505 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 16 pazienti rispetto a ieri; 7.729 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 188 pazienti rispetto a ieri; 42.732 persone, pari all’84% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi.




5 pensieri su “Coronavirus: forte aumento di morti e contagi, 2/3 in Lombardia”

    1. Guarda Joe che Vox non mente, il numero delle sirene delle autombulanze che passano, che odo, sono perfettamente in linea con quello che dice. Erano quasi azzerate ma ultimamente c’è stato un notevole aumento. Non avrei alcun interesse a dirlo se non fosse realmente così.

  1. Ma perché fanno i tamponi a quegli sciagurati che sono risultati positivi alle IGG? Più tamponi fai e più positivi trovi. I tamponi hanno trovato il coronavirus sulle uova, sulle antilopi, sulle papaie, il numero percentuale di falsi positivi da tampone e’ esilarante, il tampone deve farlo solo chi sta male male ed è in pericolo di vita. Chi sta bene cosa lo fa a fare il tampone? Boh…

  2. Era prevedibile anche se tutti davano per superata la pandemia. Occorre urgentemente un nuovo lockdown molto piú restrittivo di quelli precedenti altrimenti l’apocalisse si abbatterà su tutta l’umanità e le nuove vittime saranno milioni.

Lascia un commento