Fase2: 40% italiani non sa come pagare affitto

Condividi!

La quota di famiglie che negli ultimi 12 mesi ha accumulato ritardi nel pagamento dell’affitto è passata dal 9,6% del pre-Covid-19 al 24% durante le misure di contenimento. Per effetto del lockdown, quindi, una famiglia su quattro ha mostrato difficoltà nel pagamento dell’affitto. Un’evidenza che trova conferma anche nelle aspettative per i prossimi 12 mesi: più del 40% delle famiglie prevede di avere difficoltà a rispettare il pagamento del canone di affitto. E’ quanto emerge dall’Indagine Nomisma 2020 sulle famiglie italiane, presentata oggi in occasione dell’evento in diretta streaming organizzato da Nomisma e Crif in collaborazione con UniCredit Subito Casa dal titolo ‘Fuori tutti, la voce alle famiglie. Vivere, abitare, investire: l’Oltre del Coronavirus’.

Secondo i dati raccolti da Nomisma, emerge ancora, le famiglie interessate all’affitto sarebbero 2.008.300, ma anche in questo caso, circoscrivendo l’analisi ai soli nuclei che manifestano un’effettiva capacità reddituale, la domanda effettiva tenderà a ridursi a 730.300 famiglie.




3 pensieri su “Fase2: 40% italiani non sa come pagare affitto”

  1. Non dovrebbe essere un grande problema in quanto i proprietari saranno comprensivi e disposti al sacrificio pur di mantenere un buon rapporto con i propri inquilini. 6 mesi o al massimo 12 mesi di moratoria dovrebbero essere sufficienti per sistemare la pendenza e raffreddare gli animi cosí al prossimo lungo lockdown tutti saranno felici e contenti.

  2. Che bella tenaglia sui percettori dei fitti: questi rispetto a chi affitta ai ristoranti o alle tavole calde neanche possono sbattere in strada i loro inquilini morosi. E’ come lo tsunami, la prima onda, la seconda onda, ma poi la terza onda scavalca tutto e ti massacra. Stavolta l’acqua arriva al terzo piano, chi non sa nuotare affitta pure se è ricco.

Lascia un commento