Tunisia svuota le carceri e scatta l’assalto alle coste italiane: raffica di sbarchi, è invasione

Condividi!

Centinaia di tunisini con decine di barconi trainati da pescherecci hanno raggiunto le coste italiane nelle ultime 48 ore.

Ennesimo sbarco di clandestini sull’isola di Lampedusa. Si tratta di una trentina di tunisini. Il Comitato spontaneo locale, questa mattina è tornato in piazza. La popolazione protesta pacificamente e sta raccogliendo delle firme per far sì che l’hotspot venga definitivamente chiuso.

“È assurdo – dice Attilio Lucia del Comitato spontaneo lampedusano – che a fronte di diversi radar e numerose motovedette, i migranti riescano ad entrare direttamente in porto senza essere notati. Quest’anno, complice il coronavirus non arrivano i turisti causando il dramma della già nostra debole economia, ma in compenso arrivano migranti giornalmente senza che il governo Conte si preoccupi più di tanto”.

Con le firme otterrete sicuramente dei risultati che non otterreste bloccando fisicamente il porto.

Quella in atto è una vera e propria invasione di tunisini. Dopo recentemente sono stati liberati migliaia di detenuti per la ‘crisi del coronavirus’:

Tunisia grazia 2.391 detenuti: allarme barconi – VIDEO

Tra ieri e oggi una raffica di sbarchi. Sempre questo pomeriggio infatti è arrivato a Linosa un altro barcone con a bordo 52 clandestini, un altro mezzo è stato intercettato al largo di Lampedusa e altri arrivi sono stati registrati a Trapani. In quest’ultimo caso si parla di tre barchini. Ma anche ieri sera sono stati registrati nuovi arrivi sull’isola di Lampedusa con due barche diverse. La prima, con a bordo cinque tunisini, è arrivata direttamente sul molo Favarolo. La seconda, con a bordo altri 40 tunisini, è stata intercettata a largo dalla guardia di finanza e scortata fino al molo.

Si tratta di una vera e propria invasione di tunisini. Avanzi di galera. Probabilmente contagiati, vista l’incidenza del coronavirus in Nordafrica:

Centinaia di sbarchi: clandestini arrivano ovunque, accolti con pasticcini – VIDEO


Stefano Candiani e Nicola Molteni, sottosegretari all’Interno col ministro Salvini, attaccano:
“Record di sbarchi in una giornata, con più di 400 arrivi. Colpa del Governo e della scellerata maxi sanatoria della Bellanova e dei 5Stelle-si legge in una nota dei leghisti che prosegue- L’Italia torna a essere il campo profughi d’Europa: nel 2020 si contano 4.445 sbarchi dal primo gennaio al 22 maggio, contro i 1.361 dello stesso periodo del 2019. Porti e porte aperte ai clandestini da chi vuole smantellare i decreti Sicurezza”.

Questo assalto di barconi carichi di tunisini è legato alla tecnica della ‘nave madre’:

La rete dei pescatori tunisini che traghetta i clandestini in Italia

Si tratta di pescherecci tunisini legati alle ong che navigano con ‘trainati’ altri mezzi di dimensioni minori, i quali vengono poi sganciati e diretti verso le coste siciliane ed i vari punti di approdo. Una volta poi fatte partire le piccole imbarcazioni sganciate, gli scafisti a bordo della nave madre fanno retromarcia e tornano verso la Tunisia.

Un governo serio caricherebbe tutti i tunisini sulla stessa nave militare e poi la dirigerebbe verso Tunisi. Un governo serio. Non questa specie di cloaca giallorosa.




6 pensieri su “Tunisia svuota le carceri e scatta l’assalto alle coste italiane: raffica di sbarchi, è invasione”

  1. Povere pecorelle smarrite. Peccate e vi perdoneremo. Venite e vi accoglieremo. Pregate e vi rispetteremo. Gioite e ci uniremo. Questa è la terra promessa per tutti senza limiti di estensione e di partecipazione. Le porte sono aperte cosí come i nostri cuori e le nostre menti.

  2. Certo che se poi li accogli con tè e pasticcini… Che cosa dovrebbero pensare? Infatti ci disprezzano apertamente, ma gli accoglioni non se ne accorgono, o se se ne accorgono, pensano che comunque sono utili per mettere all’angolo i patrioti quindi si continui così.

  3. come il film di scarface. Arriva la feccia direttamente in itaglia. Prepariamoci al peggio … soprattutto a roma e di bombe ne esploderanno … poi piangono e dicono “terrorismo”. Coglioni! Fateli entrare, dategli i cioccolatini e le donne e poi vedrete che fanno ! BEEEEEEEEEEEEEEHHHHH !!!!

Lascia un commento