Palamara, la toga anti-Salvini ricevuta al Quirinale: il complotto ha un nome

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
L’altro giorno, Salvini ha telefonato a Mattarella per lamentarsi del complotto delle toghe contro di lui. Complotto poi allargatosi nei giorni successivi anche ai giornali. L’abbiamo subito considerato un atteggiamento quasi infantile, come telefonare a Riina per lamentarsi delle malefatte di Provenzano.

Avevamo ragione:

Il caso-Csm, esploso con le intercettazione di Luca Palamara e altre toghe scatenate contro Matteo Salvini, lambisce anche il Quirinale. In particolare, Stefano Erbani, di fatto il portavoce di Sergio Mattarella, colui il quale un anno fa fece sapere ai vertici del Consiglio superiore della magistratura che il Quirinale esigeva le dimissioni immediate dei membri investiti dalla prima “puntata” di questo scandalo. Come riporta Il Giornale, Erbani è finito nel mirino per il suo attivismo, considerato eccessivo. “Erbani non può imperversare così”, si sfogava con Palamara il collega Valerio Fracassi, consigliere della corrente progressista di Area. E ancora, altri messaggi: “Decide tutto Erbani”; “Erbani sta contattando anche Fuzio (pg di cassazione travolto dell’inchiesta, ndr). Credo che esageri e merta una risposta”. E ancora Francassi accusa l’uomo di Mattarella di essere “pericoloso, fidati!”.

E il coinvolgimento di Erbani in queste conversazioni è uno dei motivi che ha spinto, fino ad ora, Mattarella al silenzio. Il presidente della Repubblica è al bivio: difendere i comportamenti del suo braccio destro o scaricarlo? Per ora, prende tempo. Ma a rendere ancor più complessa e delicata la posizione del Colle, rivelato dal Fatto Quotidiano, l’invito di Gianfranco Astori, anche lui consigliere del presidente, a Luca Palamara. Un invito al Colle per un caffè: “Vogliamo fare da me al Q?”, inteso come Quirinale, chiedeva Astori. Il contenuto dell’incontro non è noto, ma è palesemente irrituale: a quell’epoca Palamara non era più membro del Csm, aveva cessato l’incarico con il rinnovo di pochi mesi prima. Insomma, sulla carta era un qualunque pm romano. Eppure, continuava con discreta evidenza ad avere molto, moltissimo potere. In che veste, dunque, era stato invitato al Colle? Mattarella ne era al Corrente? Una serie di dubbi che rendono il caso sempre più spinoso ed esplosivo.

Salvini dimostra tutta la propria ingenuità. Che in politica è al tempo stesso un pregio, perché significa che è una persona onesta, ma anche un grave difetto, perché poi finisci all’opposizione nonostante tu abbia la maggioranza dei voti. Con Renzi al governo.

Ora è tempo di rimediare e di portare la piazza sotto il Palazzo. E, a scanso di equivoci: inutile perdere tempo con il Parlamento, il vero Palazzo da buttare giù quello sul colle più alto. E’ quello l’Occhio di Mordor.




Vox

8 pensieri su “Palamara, la toga anti-Salvini ricevuta al Quirinale: il complotto ha un nome”

  1. E invece a mio avviso, Salvini ha fatto benissimo. Certo è che se al posto di Mattarella ci fosse stato Riina, una risposta l’avrebbe già avuta. Il silenzio del PDR invece è la prova di una complicità di intenti.
    E la richiesta di Matteo ha smascherato proprio questo.

    1. E invece a mio avviso, Salvini ha fatto benissimo. Certo è che se al posto di Mattarella ci fosse stato Riina, una risposta l’avrebbe già avuta. Il silenzio del PDR invece è la prova di una complicità di intenti.
      E la richiesta di Matteo ha smascherato proprio questo.

      1. Anche secondo me Salvini ha agito nell’unico modo possibile istituzionalmente. Dal punto di vista comunicativo però dovrebbe pompare molto di più la cosa perché è scandalosa.
        Diversamente non si può agire, Salvini non è Cesare, e non ha certo la X legione alle spalle.
        Quando avremo spinto i sinistrati ai margini della vita economica e ci saremo presi i loro beni, che hanno rubato per decenni, allora saranno deboli, la loro unica forza è nel denaro, col quale comprano mercenari di vario cabotaggio, anche armati alla bisogna, ma se gli finiscono i soldi, finiscono con le pezze al sedere come il povero Gheddafi ridotto tra la polvere a nascondersi in un tubo di cemento da costruzione edile.

  2. A questo punto o prendi la situazione in mano e alzi il livello dello scontro, o ti accontenti dell’onore delle armi, ringrazi Belpietro e torni a cuccia, che è ciò che sembra fare Salvino. Ormai neanche si spera più nella sua levatura politica, ancor meno nelle idee (?) da portare avanti, ma almeno nella dignità e nell’orgoglio personali, che però non sono scontati e comuni in tutti gli individui.

  3. che scoperta ! Mattarella è il presidente dell’ANM e dei magistrati. Lui è il capo. Figurati SE NON CONDIVIDE i “valori” dei sinistrati. Palomara ? verrà insignito della croce del sinistro in diretta tv.

Lascia un commento