Tunisini devastano nave quarantena: trasferiti in resort con piscina – VIDEO

Condividi!

La crociera non ti soddisfa? Il governo Conte ti trasferisce in resort di lusso.

VERIFICA LA NOTIZIA
Roba da matti:

Quattordici clandestini tunisini che hanno devastato nella giornata di ieri la nave quarantena “Moby Zaza”, perché esigevano di essere sbarcati, sono stati scaricati a Porto Embedocle “per evitare che si possano innescare problemi di ordine all’interno della nave dove, in due diverse aree, si sono circa 120 persone”.

Il gruppetto è stato trasferito a Villa Sikania a Siculiana. Nel resort di lusso:

Ecco i resort di lusso riaperti per ospitare i migranti che stanno sbarcando – FOTO

Immigrati appena sbarcati giocano a calcio a bordo piscina in resort riaperto per loro – VIDEO




4 pensieri su “Tunisini devastano nave quarantena: trasferiti in resort con piscina – VIDEO”

  1. Io credo che sarebbe ora di prendere alla lettera le parole della madame Boldrini : ci insegnano uno stile di vita che presto sarà anche il nostro. …. … Lo stato vi vessa con le tasse? Spaccate tutto negli uffici di equitalia. Vi arriva la finanza per un controllo? E voi li prendete a bastonate.
    Ecco, vediamo se poi così funziona meglio, tanto mi par di capire che più sei incandescente, più lo stato ti rispetta.

  2. Dopo un bel bagnetto e un po’ di meritato relax questi giovanotti saranno ansiosi di unirsi festosamente alla popolazione e l’integrazione ne risentirà positivamente. Cerchiamo di avere pazienza, purtroppo chi non semina non raccoglie!

  3. Chi semina vento raccoglie tempesta. Purtroppo se non li fermiamo prima, diventerà uno stile di vita, che non accetto. Il problema è che tutte le notizie dette qui, ovviamente il più delle volte sono censurate dai TG.
    Se la gente sapesse andrebbe in piazza anche senza mascherina, che il coronavirus sarebbe l’ultimo dei problemi. Anzi correremmo tutti il rischio di ammalarsi, pur di mantenere salva la specie.
    C’è chi gioca col fuoco, chi con la benzina e chi con il tritolo.

Lascia un commento