Marocchina esulta: “Giusto regolarizzare i clandestini” – VIDEO

Condividi!

Dall’inizio della crisi coronavirus, i poveri in Italia sono aumentati di un milione. Eppure stiamo per sanare migliaia di clandestini.

Non è un caso che la sanatoria della Bellanova piaccia ai marocchini:

La vostra presenza ci toglie. E una volta regolari toglie case popolari, sussidi, posti in asili nido e tanto altro. E poi ci toglie futuro.

Secondo Bellanova, più clandestini si regolarizzano meglio è:

E’ un ragionamento demenziale degno di una renziana. Nel suo caso due renziane. Come ha spiegato Coldiretti, non verranno regolarizzati più di duemila braccianti. Tutti gli altri saranno per lo più spacciatori che verranno fatti passare da connazionali come ‘colf’. Anche se fossero lavoratori, poi, regolari o clandestini finiscono sempre per fare, a basso costo, i lavori che noi potremmo fare a costo normale se non ci fossero loro.

Eppure l’Italia ha una massa di nuovi poveri che fa salire a 3,7 milioni il numero totale di persone che in questo momento hanno bisogno di aiuto per mangiare. Figuriamoci se non andrebbero a fare i lavori che fanno gli immigrati.

Preoccupa il dato riguardante i giovani sotto i quindici anni: «Tra questi – avverte la Coldiretti – ci sono anche 700 mila under 15 che hanno bisogno di aiuti per mangiare con l’aggravarsi della crisi tra le famiglie e la chiusura delle mense scolastiche, che per molti rappresentavano un’occasione per un pasto caldo garantito». Era la prima volta dal dopoguerra che il nostro Paese si trovava ad affrontare un’emergenza sociale di tale portata, «contro la quale si è attivata la solidarietà per rafforzare gli interventi sul piano alimentare a chi si trova in difficoltà».

A causa degli insostenibili costi del lockdown il 20% dei punti vendita della grande distribuzione non alimentare italiana rischia la chiusura e di aprire un buco compreso tra 220mila e 380mila disoccupati.

E’ l’allarme lanciato da uno studio sul comparto di The european house-Ambrosetti. «Una situazione così non ce la immaginavamo nemmeno nel peggiore degli incubi», spiega Claudio Gradara, presidente di Federdistribuzione.

«Il fatturato 2020 di queste imprese registrerà un calo tra il 36,7% e il 49,4% del giro d’affari», ha calcolato Valerio De Molli, managing partner di The european house-Ambrosetti. Il tempismo dell’epidemia è stato devastante: «chi opera nell’abbigliamento e nella moda si è ritrovato in magazzino collezioni primaverili già pagate e impossibili da vendere».

La distribuzione non alimentare produce un giro d’affari di 301 miliardi l’anno, dà lavoro a 1,4 milioni di persone e investe nel nostro Paese 6,2 miliardi l’anno, (il 6% del totale nazionale). «Senza investimenti non c’è lavoro, né crescita né futuro – avverte De Molli – e non sostenere un mondo che vale, tutto compreso, 542 miliardi pari al 12% del pil è un suicidio per l’Italia». Senza aiuti da parte dello Stato tra il 17,8% e il 20% delle catene non alimentari rischia di non riaprire.

Vi sembra normale che, in una situazione come questa, ci si stia preparando a fare una sanatoria di migliaia di clandestini? Abbiamo al governo dei criminali d’alto bordo.




2 pensieri su “Marocchina esulta: “Giusto regolarizzare i clandestini” – VIDEO”

  1. https://www.corriere.it/sette/politica/19_novembre_22/ministro-vincenzo-amendola-nel-pd-tante-vittime-renzi-24da0ea8-0900-11ea-b74a-83e463a73bb9.shtml?refresh_ce-cp

    Il marito è un piddino, nonché componente del governo giallofucsia come Ministro per gli affari europei. Quindi è non è solo per motivi personali che appoggia la scellerata scelta del governo di sanare i clandestini. L’altra ospite, la signora Medina, senegalese sposata con un italiano, è una vera italiana acquisita, che invece si oppone alla sanatoria.

  2. i pedofili globalisti festeggiano una vittoria di pirro

    la meretrice di cui parla l’articolo probabilmente non ha capito che molti italiani non hanno più nulla da perdere

    presto la caccia allo straniero e ai pedoglobalisti come sta zoccola muslmi (tutte le muslim sono zoccole sappiatelo) e a suo marito

Lascia un commento