Senato, Salvini parla dei 30mila morti: senatori Pd e M5s ridono

Condividi!

Salvini interrotto: cosa c’è da ridere?
Bagarre anche nell’Aula del Senato, do-
po l’informativa di Conte sulla Fase 2,
durante l’intervento del leader della
Lega, Salvini, interrotto da brusii e
proteste di M5S e Pd. “Ma cosa c’è da
ridere?”, “chiedo rispetto non per me,
ma per i 30mila morti e per chi non ha
i soldi per vivere”, insiste Salvini.

Poi le accuse al governo: è “ostaggio
della Cgil”, che “non vuole fermare il
Codice degli Appalti”. E “state usando
il virus per la più grande sanatoria di
immigrati clandestini”. Sulla scuola: è
la “grande assente della fase 2”.

Salvini, ma davvero pensi di cambiare le cose perdendo tempo a parlare con questi in Senato? Il Parlamento va occupato da chi rappresenta la maggioranza degli italiani ed è relegato all’opposizione da un colpo di Stato a cui, come abbiamo appreso stamani, hanno partecipato settori della magistratura.

Qui non siamo in un periodo normale. Ma in uno in cui vige la sospensione delle libertà costituzionali e politiche.




6 pensieri su “Senato, Salvini parla dei 30mila morti: senatori Pd e M5s ridono”

  1. “Papà che cos’è il ritardo mentale?”
    “Figlia mia, il ritardo mentale è quando aspetti il vaccino da un miliardario che non c’entra una mazza con la medicina e che vende sistemi operativi per pc”

  2. Riderei anch’io…trentamila morti de che??!!!
    Salvini, hai proprio sbagliato opposizione. Se accetti la narrazione del coglionavirus, una montatura pazzesca, offri il destro a Giuseppi ed a Bill Gates.
    Sei un venduto, tu e quella pescivendola della Meloni. Ficcati la tua bella mascherina dove sai.
    AAA Cercasi vero partito sovranista.

      1. Grande! Pensa che il mio nemico è il mio vicino di casa. Per lui non ci sarà mai TREGUA! Lui mi odia e mi vuole cacciare dalla mia proprietà. Io invece sogno di avere da babbo natale un LANCIAMISSILI.

Lascia un commento