Bonaccini a caccia di positivi da rastrellare per riempire ‘strutture’

Condividi!

Coronavirus, Bonaccini: “Il problema è nelle case, nelle famiglie. Bisogna scovare casa per casa i contagiati e isolarli in apposite strutture, in luoghi di quarantena. Abbiamo più di 70 unità mobili specializzate che girano in tutta la regione per andare a cercare chi, in quella condizione abitativa, non è in grado di tutelare i propri familiari o i conviventi”.

Per questo hanno tenuto in casa gli italiani per mesi? Hanno segregato i cittadini in casa, e non hanno pensato di andare a cercare i positivi prima.

E comunque, vista la Regione, sembra più l’ennesimo business scovato dal PD: prima si prendevano i bambini dalle famiglie per rinchiuderli in ‘case famiglia’, ora vanno a caccia di positivi per riempire strutture. Solite coop?




Vox

6 pensieri su “Bonaccini a caccia di positivi da rastrellare per riempire ‘strutture’”

  1. Certamente per business e perche a quanto ne so le convenzioni sono ‘vuoto per pieno’ ovvero NOI paghiamo anche se le camere non sono occupate…percui per non perdere la faccia (di palta)…ti acchiapperebbero pure per strada. Qua hanno perso ogni controllo, questo e’ l ‘ uso politico di una contingenza (il virus) per imporre una visione e struttura di societa’ che e’ ben vista da meno (molto) di un terzo degli Italiani. Definizione : dittatura. 🇮🇹

  2. Correggo vox, e’ molto peggio quello che dice bonaccini, perché dice: se tu fai il test sierologico e risulti positivo agli IGG, in attesa del tampone che ti fanno dopo 20 giorni, io ti deporto. Cosi ti impari a fare il test sierologico. Si vuole scoraggiare la gente a gare privatamente il test sierologico. I poliziotti se fanno un test sierologico privato e risultano positivi si fanno un mese di vacanza in attesa del tampone. Normale?

Lascia un commento