Aosta, bimbo nasce positivo al coronavirus

Condividi!

Il parto è avvenuto la scorsa settimana, nella notte tra giovedì e venerdì. La madre, anche lei positiva, ha partorito con 38 di febbre, ma il risultato del tampone è arrivato soltanto il giorno successivo, quando era già stata ricoverata in reparti dove non c’erano pazienti Covid-19. Una cirocostanza che ha costretto l’ospedale Beuregard a riorganizzare l’intera degenza nei reparti di Ostetricia e Pediatria, esposti al contagio da coronavirus.




Vox

Un pensiero su “Aosta, bimbo nasce positivo al coronavirus”

  1. Francamente per i pazienti non covid sta diventando un serio problema. Devono fare il tampone preventivo a tutti coloro si presentino con la febbre, senza esclusione, almeno loro cazzo, e trattarli, fino all’arrivo del risultato come covid ma isolandoli a loro volta, perché tante malattie anche gravi, danno febbre e insufficienza respiratoria, e se non sei covid e ti mettono in un reparto covid ti becchi anche quella e sei finito, altro che patologie pregresse poi. Non credo ci voglia molta intelligenza per capire ciò e non possono sempre nascondersi dietro ad un dito che c’è confusione, poche risorse e pochi posti, mettere un non covid insieme ai covid, se sta male, significa condannarlo a morte, ma d’altra parte se uno ha la febbre, come questa puerpera potrebbe essere covid e metterla in un non covid significa mettere a serio rischio tutti i negativi.

Lascia un commento