Coronavirus, chiesta commissione d’inchiesta sulla Strage di Stato

Vox
Condividi!

Con il lavoro dei parlamentari potrebbero svilupparsi in parallelo i processi dei parenti dei deceduti. Lo ha detto Vittorio Sgarbi a Rec News nel corso di un’intervista

Sui presunti morti da coronavirus, i possibili casi di malasanità e le mancate cure, potrebbe presto attivarsi una Commissione parlamentare d’Inchiesta. In parallelo, è possibile che si assista a una trafila di processi dei parenti dei deceduti. E’ quanto ha riferito Vittorio Sgarbi a Rec News (qui l’intervista integrale). L’instaurazione di una Commissione sarebbe del resto accolta con favore trasversale da diversi partiti.

Vox

“Intanto – ha detto il politico e opinionista – dovrà provvedere l’Istituto superiore di Sanità, i cui dati sono stati sempre molto più  prudenti di quelli della Protezione civile. Occorrerà poi che le autopsie e i dati delle cartelle cliniche vengano verificate dall’Iss che di per sé è una commissione di fatto, e l’istituto dovrà dirci i dati reali, al di là dell’Istat e al di là della protezione civile”.

E poi la commissione parlamentare. “Potrebbe nascere – ha riferito Sgarbi – da una parte di parlamentari che improvvisamente verificando le misure irragionevoli adottate da Conte vogliano andare a capire se c’erano altre soluzioni. Quindi come è capitato per tante Commissioni d’inchiesta, non è escluso che il coronavirus abbia questo ulteriore esito giudiziario. Un conto sono i processi ordinari, un’altra cosa è la giustizia parlamentare che passa attraverso le commissioni. Io credo – ha concluso – che si attiveranno entrambe”.