Coronavirus, ingegnere percula Conte, multato 9 volte in 12 giorni. “Non resto a casa”

Condividi!

«Voglio sentirmi libero so di violare la legge, ma non ce la faccio a stare chiuso in casa”. Petto nudo, calzoncini al ginocchio e senza scarpe, Erminio Nobili, 62 anni, l’ostinato e abbronzatissimo ingegnere specialista in fughe da casa, si è beccato ieri mattina la nona multa in soli 12 giorni.

I carabinieri di Riccione l’hanno ‘scovato’ stavolta sulla spiaggia, all’altezza di Piazzale Azzarita. I militari l’hanno riconosciuto da lontano, e lui non ha fatto una piega, nè ha cercato giustificazioni, tenendo una sorta di amichevole comizio alle divise davanti alle telecamere di NewsRimini, sul perchè e il percome è un trasgressore seriale del tutto consapevole.

“Qualcuno stupidamente potrebbe emularmi – ha detto – ma non voglio sicuramente mettermi contro lo Stato. Mi sono solo ritagliato un piccolo spazio. Le misure coercitive sono necessarie in ogni società civile”. Quindi ha firmato sorridente l’ennesimo verbale, annunciando che spedirà il malloppo di sanzioni al suo avvocato.

Grande. Opporsi a Conte con il sorriso di una presa per il culo.




Vox

5 pensieri su “Coronavirus, ingegnere percula Conte, multato 9 volte in 12 giorni. “Non resto a casa””

  1. Io pubblico su Facebook i filmati presi sula pagina Facebook “informa.pe” allo scopo di mostrare le misure prese da un regime ancora più poliziesco di quello di conte sopportate da un popolo ancora più abituato del nostro ai soprusi ed alle umiliazioni. C’è la fila di centinaia di persone al supermercato peruviano con il poliziotto col megafono che cazzeggia la folla come al servizio militare, ci sono quelli pizzicati a passeggiare che vengono frustrati in caserma dalla polizia, c’è la doccia che santifica dal virus… Potreste fare la rubrica di dove ci porterà conte.

  2. Poi c’era il filmato di una rivolta nel carcere di Trujillo, con un letto di carcerati nudi legati e sdraiati, quasi tutti con la testa spaccata dalle botte e sangue ovunque, ed i commenti sotto che inneggiavano ai pestaggi…

  3. La doccia di candeggina in India? Hanno mostrato un gruppetto di poveracci seduti a terra e uno stronzo che li innaffiava anche sul viso e gli occhi grondavano. Mi pare che il rispetto per l’individuo stia venendo meno ovunque.

Lascia un commento