Varoufakis: “Governo italiano si è piegato al MES: sarà depressione”

Condividi!

Yanis Varoufakis: “L’Italia è stata piegata. Accettando il #MES si è condannata alla depressione permanente”.

L’ex ministro dell’Economia greco dice le cose come stanno. Lui ha esperienza di tradimenti e cessioni di sovranità.

Il governo Conte sta riducendo l’Italia a nuova Grecia. Verso la depressione economica:

O ci liberiamo di questo governo, con ogni mezzo, o questo governo uccide il futuro degli italiani.




30 pensieri su “Varoufakis: “Governo italiano si è piegato al MES: sarà depressione””

  1. Che amarezza,che rabbia!!!!siamo un popolo dimmerda!!!e colpa nostra e ce lo meritiamo tutto speriamo bruci al piu presto l’italia e gli italiani!!!basta ce lo siamo cercato!!tutti rintanati in casa con un’emergenza mostruosa alle porte ,e non parlo di quella cagata di virus!!!FANCULO POPOLINO DI MERDE SENZA PALLE!

    1. No, non bisogna renderglielo facile. Sarà amaro più per loro che per me. Io comunque ho una malattia incurabile: la vita. Inevitabilmente porta alla morte. E la mia morte avrà un senso. Almeno per me.

  2. vero , come il suo compare Alexis Tsipras che andava alla ue e diceva io vi do ragione , ma voi dite che io non sono d accordo con voi e che faccio resistenza, devo salvare la faccia! cosi peppino conte il premier di bergoglio degli abusivi dei negri e dei ricchioni di merda , tutta una messa in scena….. sapeva sin dall inizio che doveva , o avrebbe volentieri calato le braghe, per rimanere presidente di sta cippa, visto che lui e’ il burattino di casalino, e lui le braghe le cala ogni qual volta va in fregola…. frocio tutto questo grazie alle dimissioni di salvini (coglione) e di mattarella che nn ha voluto Savona come ministro della economia, questi sono i veri traditori della patria

      1. E per sfogarmi andrò a tagliare il prato col rasaerba per rompere il cazzo a tutti i vicini che hanno esposto un arcobaleno.
        Mezzo a scoppio, con la cilindrata di un Malaguti Fifty e il carburatore 19 pari.

          1. E la mia vita è come un pistone uscito dal carter perchè eravamo sempre “a fuoco”. Non esistono scuse per non presentarsi alla sommossa prossima ventura.

  3. Ti invidio, il mio taglia erba è in cantina con le ragnatele, mi consolo con un profumo Caron stranissimo Aimez moi che sa di fieno appena tagliato con un sospetto di menta piperita, ed il sole col suo calore fa scaturire i suoi benefici effluvii dai covoni. Un prodigio della profumeria di altri tempi, l’autore o meglio il naso nel 1916 Ernest Daltroff. Caspita sarà uno di naso😒 strano cognome… sono andata a vedere nel web. Noooo è ebreo. Caxxo!
    Tornando al tema del thread: allora cosa facciamo?

  4. A me ancora la mattina mi viene qualche colpetto di tosse ma l’influenza l’ho avuta a gennaio verso i primi, non mi è mai passata, solo la mattina e non fumo, anzi non ho mai fumato… sigarette. Allora si parte o no?

        1. Siiiiii ,cosa ti fà pensare il contrario?forse il fatto che il tuo voto non influisca su chi metteranno a comandare?o forse il fatto che qualunque cosa tu pensi o dici se non l’ha detto il tg2 e una fake news?oppure gli sbirri per le strade pronti a correrti dietro neanche fossi provenzano ai tempi d’oro….cioè ma dai devo continuare?

  5. La depressione la ho giornalmente quando vedo Dimaio e quel manicolo di incapaci di pecoroni senza coglioni, incapaci, scaldasedie, messi su da un grullo che ha preso per il culo milioni di italiani.
    Ehhh siii proprio depressione.

  6. Non credo al fatto che lo abbiano minacciato di morte. Hanno agito senza preavviso nei confronti di quell’ottimo leghista del finto incidente, Gianluca Buonanno. A salvini gli hanno semplicemente detto che lo mettevano dentro se non collaborava e i figli cambiavano famiglia. Minacce alle quali si poteva ribellare facendone partecipe il popolo, sputtanandoli platealmente. Ma scendere a patti col nemico NO! Non lo doveva fare.

    1. Non so se fosse un “finto incidente”. Le voci dei paesi dalle nostre parti parlano di altro. Tengo sempre presente il fatto che anche io una volta ho avuto un “incidente” particolarmente coreografico e le voci del paese mi hanno rincorso per circa venti anni. Tuttavia la tipa che era in macchina con la buonanima era la notoria amate e non la moglie.
      E mi dispiace che tu non sia contenta della mia scelta maschilista di lasciasti a casa. Coltivo comunque la segreta speranza che le Signore mi salvino nel momento in cui tutto è perduto, come Conan il Barbaro.

Lascia un commento